Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

STRESS OSSIDATIVO E SALUTE DELLA DONNA

Lo stress ossidativo è causa di diverse patologie della donna: dalle malattie metaboliche a forme di Alzheimer. Scopriamo insieme le cause, gli effetti e le soluzioni per arginare il problema.

La routine quotidiana spesso ci impone uno stile di vita a causa del quale tendiamo a trascurare la nostra salute.

L'esposizione prolungata ai raggi solari, il fumo di sigaretta, l'abuso di alcol sono fattori coi quali entriamo costantemente in contatto, e che hanno ripercussioni piuttosto significative sul nostro corpo. Una di queste è l'aumento dello stress ossidativo.


Che cos'è lo stress ossidativo?

Quando si parla di stress ossidativo, ci si riferisce a una condizione patologica che comporta un deficit nel processo di eliminazione di sostanze chimiche ossidanti, le quali compromettono le corrette attività fisiologiche delle cellule di un organismo vivente.

È fondamentale preservare un equilibrio fra specie ossidanti e sistemi di difesa per garantire al corpo uno stato di buona salute.

Quando ciò non avviene, si verifica un aumento della concentrazione dei ROS (Specie Reattive dell'Ossigeno) rispetto ai valori normali, che vanno ad intaccare le funzioni e la struttura della cellula stessa innescando un processo radicalico a catena: i danni alla cellula si ripercuotono sui tessuti, che a loro volta compromettono il funzionamento degli organi e quindi dell'organismo intero.

C'è da dire che i ROS rappresentano un pericolo soltanto quando sono in eccesso, in quanto, entro certi valori, contribuiscono a regolare alcuni processi indispensabili per il corretto funzionamento dell'organismo.

Quali sono le conseguenze dello stress ossidativo?
Le patologie conseguenti all'aumento delle specie ossidative e all'indebolimento dei sistemi di difesa antiossidanti sono molteplici:

> Aterosclerosi;

> Diabete mellito;

> Parkinson;

> Colite ulcerosa;

> Malattie metaboliche;

> Alzheimer;

> Malattie infiammatorie;

> Epatopatie;

> Tumori.

Inoltre, un'eccessiva presenza di radicali liberi può ridurre la qualità delle prestazioni sessuali, la capacità di concentrazione e di memorizzazione, nonché causare la comparsa di rughe e macchie sulla pelle

Quali patologie può provocare nella donna lo stress ossidativo?

Lo stress ossidativo può essere causa di numerose patologie che colpiscono la donna nelle diverse fasi della vita, dall'adolescenza al periodo successivo alla menopausa. In particolare durante quest'ultimo, è fondamentale mantenere il giusto equilibrio fisiologico fra produzione ed eliminazione di sostanze ossidanti per ritardare il più possibile gli effetti dell'invecchiamento.

In età fertile, se si fa uso di contraccettivi orali, le probabilità di intensificare lo stress ossidativo aumentano esponenzialmente, ponendo la donna di fronte al rischio di complicanze a livello vascolare.

Fra le patologie causate dallo stress ossidativo nella donna, troviamo l'endometriosi, una infiammazione cronica della mucosa che riveste il tessuto interno dell'utero, e la sindrome dell'ovaio policistico, che si manifesta con irregolarità del ciclo mestruale e culmina nel 90% dei casi con l'infertilità.

Durante la menopausa, con la riduzione nella produzione di amine neuroattive e del fattore neurotrofico BDNF, con conseguenti disturbi nel sonno, irritabilità, depressione e stanchezza, si verifica un calo di vitamina C e tioli che favoriscono lo squilibrio ossidativo: ciò comporta un aumento dell'incidenza della malattia aterosclerotica, tachicardia, vampate e vasodilatazione.

Un'ulteriore complicanza è data dall'indebolimento della massa ossea dovuta all'eccessiva presenza dei ROS, che impediscono la differenziazione degli osteoblasti.

Come ridurre lo stress ossidativo?

Il nostro organismo è dotato di un complesso sistema di difesa antiossidante che agisce all'interno e all'esterno della cellula, grazie all'azione di glutatione, ubichinone, acido alfa lipoico, catalasi, superossidodismutasi, e all'integrazione di vitamina C, E, carotenoidi e polifenoli.

Per mantenere il giusto equilibrio ossidativo è opportuno ridurre il fumo di sigaretta, l'assunzione di farmaci e l'esposizione ai raggi X, ma oltre ad adottare alcuni accorgimenti quotidiani, una valida soluzione per arginare gli effetti dello stress ossidativo è rappresentata dall'assunzione di integratori ad azione antiossidante.

Laddove il corpo da solo non riesca a fronteggiare lo squilibrio fra ROS e sistema di difesa, è opportuno l'utilizzo di un integratore con Moringa oleifera, che si profila come il superfood con il più alto contenuto di sostanze antiossidanti presente in natura.

La Moringa oleifera, infatti, essendo ricca di vitamina C, aiuta a ridurre la concentrazione di ROS e quindi il rischio di serie ripercussioni sulla salute del nostro corpo.


Leggi anche Di seme in seme, gli antiossidanti per eccellenza >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: