Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

ACEROLA, RICCA DI VITAMINA C CONTRO L'INFLUENZA

L'acerola è un frutto ricchissimo di vitamina C e di altre sostanze nutrizionali e principi attivi che aiutano a combattere in particolare l'influenza e i malesseri stagionali. Andiamo a scoprire l'acerola, come usarla e a cosa serve la vitamina C

L’acerola è il frutto di un arbusto o di un piccolo albero di nome Malpighia emarginata originario dell'America centrale e della fascia tropicale; è molto simile ad una ciliegia, tanto da venir chiamata “la ciliegia delle Antille” con un gusto dolce e contemporaneamente acidulo per la presenza di vitamina C.

Le proprietà dell’acerola sono molteplici grazie alla sua ricchezza di principi attivi (bioflavonoidi e  tannini) e sostanze nutrizionali; contiene, oltre alla vitamina C, un’alta percentuale di vitamina A, vitamine del gruppo B e sali minerali quali in particolare il ferro, il calcio, il potassio e il magnesio.

L’acerola veniva utilizzata nelle sue terre di origine contro l’anemia e gli studiosi hanno poi visto come i suoi principi attivi fossero capaci di aiutare la crescita e il buono sviluppo della flora batterica grazie alla stimolazione di una maggiore produzione di acido folico e di un miglior assorbimento del ferro.

Questa sua attività aiuta contro le carenze vitaminiche e quindi anche nei casi di stanchezza o di astenia, soprattutto nei bambini e negli anziani.

Stimola inoltre il sistema immunitario e diviene un ottimo alleato contro l’influenza, il raffreddore, la rinite e tutte le infezioni delle vie respiratorie.

 

L'acerola contro l’influenza

L’acerola contiene da 30 a 50 volte la vitamina C presente negli agrumi. Nella classifica dei maggiori frutti contenenti vitamina C è seconda solo al camu camu, mentre per quanto riguarda il suo potere antiossidante è la prima della lista perché è più biodisponibile come assorbimento rispetto agli altri frutti.

Questa sua ricchezza in vitamina C le permette di diventare uno dei migliori prodotti antinfluenzali e rimedi dei malesseri stagional; infatti è ben conosciuta l’azione della vitamina C sul sistema immunitario e sul suo aiuto a combattere i radicali liberi.

Solitamente non è possibile consumarla fresca a parte per chi vive nei luoghi di crescita della pianta che trova succo fresco al 100% di acerola.

In Italia viene venduta in capsule, pastiglie o in estratti da solubilizzare in acqua. La polvere si ottiene dalla ciliegia di acerola che viene essiccata e successivamente resa una polvere.

Solitamente la vitamina C viene estratta direttamente dal frutto per poi essere aggiunta nei rimedi erboristici a base di piante ed erbe allo scopo principale di aiutare il sistema immunitario.

Andiamo a conoscere meglio la vitamina C e capire quali sono i benefici che questa vitamina ha sul nostro corpo.

 

Anche la Grumichana, la ciliegia brasiliana, è un frutto ricco di vitamina C

polvere acerola

 

La vitamina C

Il nostro corpo ha bisogno di diversi nutrienti essenziali e tra questi le vitamine. In particolare la vitamina C è una vitamina che l’organismo non riesce ad autoprodurre quindi ha necessità di inserirla e assorbirla tramite gli alimenti della dieta.

La vitamina C è idrosolubile e se esposta alla luce e all’aria ossida velocemente disperdendo così le sue proprietà benefiche. Inoltre è termolabile quindi durante la cottura di un cibo a partire dai 40°C cominceremo a degradare gli enzimi che servono per una migliore assimilazione, disperdendo anche la preziosa vitamina C.

Nel corpo umano la vitamina C concorre a innumerevoli attività:

  • contrasta i radicali liberi e riduce l’invecchiamento cellulare grazie alla sua azione antiossidante;
  • migliora l’attività di risposta del sistema immunitario grazie alla stimolazione della fagocitosi dei globuli bianchi e permette una guarigione più rapida;
  • abbassa la produzione del cortisolo aiutando a controllare lo stress;
  • stimola la produzione del collagene e dell'elastina mantenendo così la pelle più sana e giovane;
  • aiuta ad assorbire meglio altre sostanze ed elementi nutrizionali come i ferro e altri sali minerali;
  • migliora la circolazione sanguigna e aiuta la riparazione dei capillari.

 

 

Avvertenze vitamina C e lettura etichetta

Secondo uno degli ultimi studi di un gruppo di scienziati dell’Università della Pennsylvania di Philadelphia è stato valutata la differenza tra la vitamina C di sintesi chimica e la vitamina estratta direttamente da frutta e verdura.

La vitamina C isolata non ha dato gli stessi effetti benefici totali e sembra che in quantità elevate il corpo non sia in grado di smaltirla con rischio anche di danneggiare il DNA cellulare; la vitamina C estratta dai vegetali invece è in forma non isolata ma in un complesso di più sostanze che in sinergia portano i loro benefici al corpo: troviamo infatti la vitamina C 1 e C 2 e questa seconda vitamina serve proprio ad assorbire meglio la precedente.

Questa distinzione è importante soprattutto nella scelta dei prodotti d’acquistare: nelle etichette potrà essere indicata "vitamina C" intendendo anche quella isolata, mentre, se è specificato "estratta da" con il nome del vegetale, viene assicurato che la vitamina C è insieme al fitocomplesso di tale vegetale.

Un'altra accortezza nella lettura del etichetta è cercare la dicitura “solo vitamina C naturale” visto che in alcuni prodotti viene invece aggiunto acido ascorbico di sintesi che è dichiarato con il nome di “vitamina C”. Un prodotto con maggiore vitamina C non è quindi garanzia di migliore qualità, anzi: solitamente viene proprio aggiunto acido ascorbico proprio per indurre il cliente a pensare che vi è maggiore presenza di vitamina C estratta naturalmente.

Dalla ciliegia di acerola la vitamina C estratta è al massimo al 17% quindi non potrà trovarsi in etichetta maggiori quantità se il prodotto è di sola acerola.

 

Scorpi acerola, pawpaw, pepino dulce tra i frutti sconosciuti

 

Per approfondire:

> Integratori naturali di vitamina C, quali sono e quando assumerli

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: