Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

EFFETTI COLLATERALI

Gli effetti collaterali della Griffonia

La griffonia (Griffonia simplicifolia) è una pianta originaria dell'Africa centro-occidentale appartenente alla famiglia delle Leguminosae.

Molto usata nell’antica tradizione africana per guarire le ferite e contro i disturbi renali, oggi è riconosciuta come rimedio contro depressione, ansia e insonnia. Scopriamo le caratteristiche e gli effetti collaterali della griffonia.

Griffonia

 

Griffonia: caratteristiche e proprietà

La griffonia è un arbusto legnoso di grandi con fiori verdognoli, riuniti in infiorescenze e semi neri simili a fagioli (infatti, è chiamata anche fagiolo africano).

I semi della griffonia contengono 5-idrossi-triptofano (5-HTP), un precursore della serotonina, un neurotrasmettitore utile per la regolazione del tono dell'umore, del sonno e dell'appetito.

La griffonia è, quindi, un antidepressivo naturale, utile anche per controllare la fame nervosa e regolarizzare il ciclo sonno-veglia

 

Gli effetti collaterali della Griffonia

La griffonia può essere assunta regolarmente senza provocare particolari effetti collaterali. Infatti, sono pochi i casi di persone che in seguito all’assunzione della griffonia, presentano:

  • nausea, 
  • meteorismo,
  • bruciore di stomaco,
  • arrossamento della pelle. 

Tali effetti collaterali sono per lo più dovuti al bisogno del corpo di abituarsi a questa nuova sostanza, pertanto spariscono generalmente in poche settimane.

In ogni caso, è sempre bene consultare un medico prima di utilizzare la griffonia e di evitarla del tutto in caso di gravidanza e allattamento.

 

Ti potrebbero interessare anche:

>  Quali sono gli antidepressivi naturali

>  5-htp: proprietà, uso e controindicazioni

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy