Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

FRUTTA

Graviola: proprietà, benefici, come si mangia

La graviola, il frutto della Annona muricata, è ricca di alcaloidi e vitamina C ed è utile per il sistema immunitario e per il rinnovamento cellulare. Scopriamola meglio.

>  Descrizione della pianta

>  Graviola, alleato di

>  Calorie, valori nutrizionali e proprietà della graviola

>  Controindicazioni

>  Curiosità sulla graviola

>  Come si mangia e si cucina

Graviola, tutte le proprietà

 

Descrizione della pianta

Salita alla ribalta per le sue proprietà curative, la graviola, chiamata anche guanabana o soursop, è un'annonacea originaria delle Antille e diffusa in tutti i Caraibi, in Sudamerica, nell'Asia sudorientale e in Africa.

Produce un frutto tra i più grandi del genere Annona, capace di raggiungere i trenta centimetri; somiglia sostanzialmente ad una cherimoia, anche se la forma ricorda più quella di una pigna e le scaglie della buccia terminano a punta. La polpa è bianca e cremosa, dal sapore succulento, acidulo, a metà tra l'ananas e la fragola, con l'acidità del limone e con un tono finale di latte di cocco.

 

Graviola, alleato di

Sistema immunitario, sistema nervoso, scheletro, rinnovamento cellulare

 

Calorie, valori nutrizionali e proprietà della graviola

La graviola contiene 66 kcal ogni 100 g.

Il frutto della graviola è piuttosto nutriente, ricco di zuccheri e vitamine, in special modo la C (300 grammi di graviola sono sufficienti a fornire la dose giornaliera raccomandata) e quelle del gruppo B, fosforo, magnesio, rame e calcio.

Ciò che la distingue dagli altri frutti però è l'alta concentrazione di alcaloidi e acetogenine con molte proprietà interessanti: stigmasterolo, sitosterolo, reticolina, cumarina, stepharina, annonacina. La graviola risulta avere proprietà antibatteriche, preventive dei tumori (specie al pancreas e al fegato), tonificanti, analgesiche.

 

La graviola, come il tè verde, tra i cibi antiossidanti: scopri gli altri

Tè verde tra i cibi antiosidanti

 

Controindicazioni

L'annonacina contenuta nel frutto rimane di fatto una neurotossina, motivo per quale è consigliato non esagerare nell'assunzione in quanto l'alta concentrazione di questo e di altri alcaloidi può interagire con altri farmaci, può indebolire la flora batterica e ledere il sistema nervoso.

 

Curiosità sulla graviola

In alcuni paesi, invece che limitarsi a riportarlo come un alimento che aiuta nella prevenzione dei tumori, viene pubblicizzato come un farmaco in grado di curare il cancro, sebbene non ci siano evidenze scientifiche a riguardo.

 

Come si mangia la graviola e come si cucina

Quando è pienamente maturo si presta benissimo al consumo da fresco, con un cucchiaio. Prima che maturi conserva una maggiore acidità, ed è ideale per succhi, frullati ed altre ricette.

In Etiopia e nei paesi settentrionali dell'America Latina viene usato come ingrediente per delle bevande fresche fatte con frutta e fiori. In Asia, cuocendolo nello zucchero, viene servito come dessert da strada.

 

LEGGI ANCHE
I succhi estratti a freddo: cosa sono e come farli

Altri contenuti sulla groviola

Guanabana, un po' di chiarezza sulle sue proprietà

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy