Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

GERMOGLI

Germogli di alfalfa o erba medica

I germogli di alfalfa, o erba medica, sono ricchi di proteine e vitamina A, regolano i livelli di colesterolo nel sangue e sono utili contro artrite e reumatismi. Scopriamoli meglio.

>  Descrizione dell'alfalfa

>  Composizione dei germogli di alfalfa o erba medica

>  Proprietà e benefici

>  Caratteristiche organolettiche e impieghi dei germogli di alfalfa

>  Segreti di germogliazione

Germogli alfalfa

 

Descrizione dell'alfalfa

L'alfalfa (dall'arabo al-fal-fa: "padre di tutti i cibi"), più nota in Italia come erba medica, è una leguminosa originaria dell'Asia Minore, in special modo nell'area da sempre sede del popolo Armeno, ed era assai apprezzata presso i Persiani, tant'è che il nome erba "medica", sta per "erba dei Medi", antico popolo iranico.

I semi di alfalfa di presentano di dimensioni molto ridotte, attorno ai due millimetri, reniformi e di colore giallo dorato o marroncino. Gli agricoltori nei secoli hanno adottato questa pianta inserendola nelle loro rotazioni ed utilizzandola come mangime per gli animali, come ottimo azotofissatore e come pianta nettarifera ideale per l'apicoltura.

Da circa duemila anni è presente nelle medicine tradizionali cinese, persiana e nell'ayurveda, in particolar modo come base dei trattamenti per la ritenzione idrica e per i disagi all'intestino.

L'erba medica è usata anche come integratore naturale e ricostituente di proteine, utile anche in caso di insufficienza renale di cane e gatto.

 

Composizione dei germogli di alfalfa o erba medica

Fra tutti i germogli, quello di alfalfa è il più completo dal punto di vista nutrizionale: la percentuale di proteine può arrivare al 36%, contenendo tutti gli aminoacidi essenziali e otto degli enzimi essenziali per la digestione.

Venendo al complesso vitaminico notiamo che contiene la vitamina A (ne contiene la stessa percentuale della carota), numerose vitamine del gruppo B, ivi compresa la B12 o cobalamina, le vitamine C, D, E, K e PP. Per quanto concerne lo spettro dei sali minerali i germogli di alfalfa contengono calcio, fosforo, magnesio, potassio, ferro, selenio e zinco.

 

Proprietà e benefici

I germogli di erba medica sono senz'altro di aiuto per il controllo del colesterolo visto che contribuiscono a diminuire il livello di colesterolo LDL o colesterolo "cattivo", e ad aumentare il livello di colesterolo HDL, utile "spazzino" del sistema circolatorio.

Vengono utilizzati da chi soffre di reumatismi e sono assai utili per quanto riguarda la prevezione dell'artrite. L'alto contenuto di manganese rende inoltre i germogli di alfalfa indicati per i casi di diabete. Vista la composizione ricca e completa di vitamine, aminoacidi e oligoelementi, i germogli sono utili tonici e ricostituenti, consigliabili per i bambini in crescita, per gli anziani, gli sportivi e dopo i casi di convalescenza.

 

L'alfalfa tra i rimedi per l'ulcera: scopri gli altri

Ulcera gastrica, rimedi naturali

 

Caratteristiche organolettiche e impieghi dei germogli di alfa-alfa

Il sapore delicato dei germogli di alfalfa permette di poterli consumare in molte versioni: crudi in insalate miste, trasformati in crema o usati come ingredienti per succhi o estratti, o infine cotti.

 

Segreti di germogliazione

Per produrre i germogli di alfalfa si deve partire dai semi: li si immergono in acqua per dodici ore a temperatura ambiente. Dopo questa fase, i semi vasco scolati e posti in un apposito germogliatore (oppure in uno strumento che ne svolga la funzione sufficientemente bene).

É indispensabile ricordarsi di cambiare l'acqua e sciacquare i semi almeno due volte al giorno. Al quarto giorno di germinazione si consiglia di esporli ad una luce indiretta in modo da innnescare i processi di produzione di clorofilla. Per giungere ad una completa germogliazione le tempistiche si aggirano su un periodo che va dai quattro ai sei giorni.

Quando i giovani germogli raggiungono un'altezza dai due ai quattro centimetri, è possibile iniziare la raccolta: se ne prende una parte, che verrà immersa in una vaschetta d'acqua in modo da sciacquarle e separare i germogli dalla cuticola del seme, ed essere così infine pronti per il consumo.

 

LEGGI ANCHE

Come mangiare i germogli: le più comuni preparazioni


Altri articoli sui germogli:
>  Piccola guida alla preparazione dei germogli

>  I germogli in cucina

 

Immagine | Bnatural.com.au

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy