Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

TINTURA MADRE DI ECHINACEA, GLI USI

Cicatrizzante, lenitiva, stimolante del sistema immunitario: la tintura madre di echinacea è quel preparato ideale per fare da scudo all'organsimo quando più ne ha bisogno. Ecco come ci può proteggere

La tintura madre di echinacea è un preparato erboristico estratto dalla pianta fresca di Echinacea angustifolia o Echinacea purpurea.  Molto utile per le sue proprietà protettive, è usata per prevenire le infezioni e velocizzare la guarigione. Scopriamola meglio. 

 

Echinacea, la pianta che ci protegge

La tintura madre di echinacea è estratta dall'echinacea e fa sue le proprietà della pianta.

Ricca di flavonoidi e oli essenziali, la tintura madre si presta ad essere utile per stimolare il sistema immunitario, è usata anche in caso di stress, raffreddore e tosse. Speciale questa pianta lo è per davvero: da una parte scongiura e previene l'insorgere delle infezioni, dall'altra agevola una rapida guarigione. Eccone gli usi principali.

 

Uso interno della tintura madre di echinacea

  • Stimolare e rinforzare il sistema immunitario, nella produzione di anticorpi; per questa ragione è usata in fitoterapia per favorire le naturali difese dell'organismo nei confronti degli attacchi infettivi di batteri e virus.
  • Contribuisce al alleviare i sintomi delle malattie da raffreddamento, come febbre, dolori articolari, mononucleosi infettiva, infezioni del sistema respiratorio (tosse, mal di gola) o del sistema urinario (cistite, prostatite)

Per l'uso interno le indicazioni generali vanno dalle 30 alle 40 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti, per prevenire la sindromi influenzali e i mali di stagione. Per curare infezioni o altro 30-40 gocce, per 2 volte al giorno. Questi sono dosaggi indicativi, è sempre bene affidarsi a uno specialista per consigli e modalità d'uso.

 

L'echinacea: un fiore come scudo contro i malanni dell'inverno

 

Uso esterno della tintura madre di echinacea

La tintura madre di echinacea è utilizzata per uso esterno nella preparazione di pomate e lozioni per la pelle. In questo caso la sua azione è immunostimolante, protettiva, antinfiammatoria.

Aiuta il recupero del derma anche in caso di cicatrici, afte, ulcere, dermatiti in genere. La proprietà cicatrizzante si basa sulla capacità della pianta di accelerare la rigenerazione tissutale e di localizzare l'infezione.

Per l'uso esterno è consigliabile realizzare o procurarsi presso l'erborista di fiducia una pomata al 10% di tintura madre di echinacea, ideale per tutte le affezioni della pelle.

Oltre alla pomata, si possono fare anche impacchi localizzati utilizzando qualche goccia di tintura su garza sterile.
Si possono anche fare gargarismi contro mal di gola e infiammazioni del cavo orofaringeo diluendo 10 gocce in un pò d'acqua e facendo gargarismi mattina e sera.

Per realizzare la tintura madre si utilizza la pianta di echinacea fresca, poiché secca perde buona parte delle sue proprietà. La tintura madre di echinacea si prepara con rapporto in peso droga: solvente di 1:10 e gradazione alcolica di 55% vol. Si può acquistare pronta in erboristeria oppure on line.

Le tinture madri non presentano controindicazioni se non quelle della pianta stessa, per esempio allergia nei confronti delle Asteracee; si consiglia tuttavia di consultare uno specialista prima della somministrazione o uso. Si può utilizzare effettuando cicli di otto settimane di somministrazione, interrotti da una settimana di pausa.

 

Echinacea in gravidanza: benefici e controindicazioni

 

Per approfondire:
>  Gli effetti collaterali della pianta di echinacea
>  Sistema immunitario: disturbi e tutti i rimedi

 


Immagine| https://it.fotolia.com/id/91494076

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: