Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Alimenti

LE VARIETÀ EMILIANE E ROMAGNOLE DI FRUTTA E VERDURA

In Emilia-Romagna la tradizione contadina è molto antica e sono presenti numerose varietà di frutta e varietà. Alcune tipologia sono divenute con il tempo tipicità locali e tradizionali, persino con riconoscimento come DOP o IGP. Altre varietà sono comunque famose e riconosciute per il loro caratteristiche organolettiche e per le loro particolarità che rappresentano l'Emilia-Romagna sul territorio italiano.

Di Mira Tonioni 10989 Speciale

L'Emilia Romagna è notoriamente una regione di lavoro, di cultura, di gusto. Spesso viene identificata con la Pianura Padana ed il Po, due elementi condivisi dalle due regioni storiche: da una parte l'Emilia, che comprende anche il versante appenninico e i Colli Bolognesi, e dall'altra la Romagna, con la sua costa adriatica e le pianure bonificate.

Fondamentalmente si tratta pertanto di una pianura fertile, abitata fin dal Paleolitico e a turno conquistata da Etruschi, Romani, Celti, Longobardi, Bizantini e Franchi.

Le estati sono calde e rassomigliano a quelle dell'Italia centro meridionale, mentre gli inverni sono rigidi come quelli delle regioni del più settentrionali; le stagioni intermedie invece sono caratterizzate dalla famosa nebbia della Val Padana. Mentre la pianura ospita ridenti cittadine e sterminate campagne lavorate, i monti sono il luogo di splendidi boschi e parchi protetti.

L'Emilia Romagna vanta una delle cucine regionali tra le più apprezzate in Italia e nel Mondo, grazie all'arte delle massaie e agli ingredienti che riescono a crescere con successo in una valle così ricca di acqua, calore e dedizione al lavoro: è una delle regioni più sviluppate a livello agroalimentare, specie grazie alle cooperative e alle aziende a conduzione familiare.