Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Alimenti

TRA I CIBI ALCALINIZZANTI, ECCO IL MISO E LE SUE RICETTE

Il miso è un condimento di origine orientale, giapponese e cinese, vecchio di 4000 anni; la parola significa Mi= fonte, So= sapore, "fonte di sapore appunto". Molto noto per la zuppa di miso giapponese, in realtà è un insaporitore di cibi che si può usare per molte ricette. Si tratta di una pasta fermentata che si può ottenere da una base di vari cereali e legumi, come la soia, il riso, l'orzo, il miglio e altri ancora. Vediamo a seguire quanti tipi ne esistono, le proprietà e le ricette.

Di Valeria Gatti 32996 Speciale

Esistono vari tipi di miso:

  • Hatcho miso o miso di soia: il miso dell’imperatore, l’originale, a base di sola soia, dal sapore piuttosto forte, gli occorrono circa due anni per fermentare;
  • Mugi miso o miso d’orzo: il più usato, sapore più dolce e cremoso, composto da orzo e soia, la sua fermentazione è più attiva di quella del miso di soia e per questo fermenta in uno o due anni.
  • Kome miso o miso di riso e soia: come da titolo è composto da riso e soia, dalla fermentazione ancora più rapida, fermenta in circa un anno o 18 mesi; è un miso molto dolce e per questo si usa principalmente per la preparazione di dolci.
  • Shiro miso, miso di riso (in maggiore quantità) o soia: il miso bianco, è il più delicato ed è composto più da riso che soia.

Esistono anche il Genmai miso o miso di riso e orzo, il natto miso, miso di soia e zenzero, e altri ancora.

Secondo la medicina orientale, per la ricchezza dei nutrienti che contiene (proteine, enzimi, amminoacidi, vitamine del gruppo B) il miso è da considerarsi un prodotto che assicura longevità e benessere alla persona.

Secondo la macrobiotica il miso consumato prima dei pasti, favorisce la digestione e l’assimilazione di tutti i nutrienti ed è un alimento alcalinizzante, ricco di enzimi attivi che stabilizzano lo stomaco e alcalinizzano il sangue, liberano la mente e migliorano la flora batterica e riequilibrano il fegato; si usa anche per migliorare la circolazione, essendo anche un anticolesterolo.

 

Le ricette con il miso della cucina macrobiotica