Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Alimenti

LE PIANTE SPONTANEE COMMESTIBILI DI GENNAIO

Tra le piante spontanee di gennaio troviamo i bulbi di porro e aglio, le radice di cicoria e le prime foglie di bietole.

Di Mira Tonioni 10989 Speciale

In inverno le piante spontanee erano una risorsa eccellente quando nell’orto il cibo scarseggiava.

Persino a gennaio quando la neve non ricopriva i campi e i prati era possibile andare a cercare erbe e piante commestibili e per uso curativo.

E allora anche oggi possiamo riprendere queste conoscenze per arricchire i nostri piatti e fare delle belle passeggiate: attenzione a scegliere sempre luoghi non inquinati altrimenti i vantaggi per il benessere saranno pochi! Innanzitutto bisogna cercare sotto terra tra radici e bulbi e per farlo bisogna essere pratici di fitoalimurgia e riconoscimento delle piante perché si devono ricordare i luoghi dove nell’arco dell’anno erano presenti le piante delle quali ci interessa la parte sotterranea.

 

Bulbi, radici e foglie di erbe in gennaio

Parliamo di agli e porri selvatici, radici di tarassaco e cicoria, bulbi e rizomi di vari altre piante. Ricordiamo ai non esperti che questo riconoscimento è uno dei più difficili perché tra i bulbi troviamo piante velenose e tossiche come il colchico autunnale che è mortale e non esiste antidoto.

Quindi un po’ come per il riconoscimento dei funghi stiamo molto attenti e impariamo bene prima da esperti del settore quali piante sono commestibili, mostriamole sempre a loro se abbiamo dubbi sull’identità della pianta o della parte di essa che vogliamo raccogliere a scopo alimentare.

Più facile in questo periodo da raccogliere sono le prime tenerissime foglie di erbe come la bietola selvatica, alcune varietà di piantaggine, i primi teneri butti di cicerbita e tante altre foglioline che si preparano a fare capolino dal riposo invernale.

 

Come conservare semi e bulbi in inverno