Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

SALE: UNO, NESSUNO, CENTOMILA

Vediamo assieme alcune varietà di sale per sfruttarle al meglio in cucina ma sempre con moderazione.

Il sale negli ultimi anni è stato bollato come nemico della nostra salute. Mediamente infatti se ne consuma troppo e spesso lo si fa inconsapevolmente poiché gli alimenti trasformati e confezionati sono  ricchi di sodio “nascosto”. I soliti sospetti sono salumi ed alimenti in scatola ma vi potreste sorprendere nel conoscere il contenuto di sodio del pane confezionato e di molti condimenti.

Un eccessivo e ripetuto consumo di sale è associato al rischio di aumento della pressione, ictus, malattie cardiovascolari, ecc. Eppure il sodio contenuto nel sale è di vitale importanza per il corpo umano regolando l'equilibrio dei fluidi e il funzionamento del sistema nervoso. Il sale va quindi utilizzato con moderazione e sostituito, quando possibile, con erbe e spezie.

Se però non avete particolari problemi di salute, se seguite uno stile di vita sano e un'alimentazione corretta e caria potete aggiungere il sale, con moderazione, alle vostre pietanze.

Ma… Non tutti i sali sono uguali e vale la pena di conoscerli un po’ meglio: 

  • Sale comune da tavola raffinato: è in gran parte composto da cloruro di sodio e subisce un processo di purificazione intensa che rimuove i minerali come magnesio, potassio e calcio, che sono considerati come impurità . Dopo la raffinazione il sale può essere rafforzato con additivi disgreganti e molto spesso con iodio dando così origine al sale iodato. 

  • Sale marino da tavola: questo sale deriva dall'evaporazione dell'acqua di mare. Esiste in versione raffinata ma anche in versione integrale. Il sale marino integrale contiene non viene una maggior quantità di minerali: quali, ad esempio magnesio, rame, zinco, fosforo.

  • Sale rosa dell'Himalaya: il suo colore è dovuto all’ossido di ferro. E’ un sale fossile dalle origini molto antiche: si è formato circa  250 milioni di anni fa grazie al prosciugarsi di mari e laghi durante la fase di costruzione della catena dell’Himalaya. Il suo sapore è equilibrato e tende a preservare l'aroma degli alimenti a cui viene aggiunto. A detta dei suoi estimatori i benefici di questo sale sono molteplici: il sale rosa è più salutare perché ricco in oligoelementi; è puro perché si è depositato milioni di anni fa quando l’inquinamento dei mari non c’era ed è facilmente assimilabile dall’organismo umano grazie alla struttura dei cristalli.

  • Sale grigio bretone: viene prodotto a Sud della Bretagna e il suo colore grigio è dovuto al contenuto di argilla.  E’ quindi un sale marino dell’atlantico, molto ricco in magnesio e in tanti altri sali minerali e più povero di sodio rispetto al sale raffinato. La caratteristica unica di questo sale è il lieve retrogusto di salsedine che lo rende adatto a tutti i piatti a base di pesce, carne bianca e verdure bollite. 

  • Sale nero delle Hawaii: raccolto sulla piccola isola hawaiana di Molokai. Il suo colore è dato dal fatto che il sale si combina con carbone vegetale attivo, a cui vengono attribuite proprietà disintossicanti. In cucina viene spesso usato anche come condimento decorativo .

  • Sale Blu di Persia. Salgemma naturale molto raro che viene estratto dalle miniere di sale dell’Iran. La sua colorazione dipende dalla presenza della silvite. Presenta un retrogusto speziato.

  • Sale affumicato della Danimarca: questo sale viene affumicato con legno di quercia, ginepro, faggio, olmo rosso e ciliegio. Il suo gusto è quindi più deciso ed è ottimo se utilizzato per condire piatti a base di carne e verdure.    

La lista non finisce qui... ci sono tantissime altre tipologie di sale che ci possono aiutare in cucina. Ma, mi raccomando, sempre con moderazione!

 

Scopri anche le proprietà del sale iodato


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: