Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

TROMBETTE DEI MORTI, RICETTE

Un fungo interessante, dall’aspetto non attraente ma dal sapore unico: le trombette dei morti. Scopriamo come utilizzarle in cucina con una serie di ricette che vanno dal classico della tradizione fino a sperimentazioni di cucina fusion.

Nel periodo che va da fine agosto fino a novembre, nella zona centro-settentrionale di Italia, specie a livello appenninico, è ancora possibile trovare un fungo particolare nell’aspetto, nel sapore e nell’uso culinario: le trombette dei morti, scientificamente Craterellus cornucopioides.

Il nome con cui è piu conosciuto in giro per l’Italia si rifà al suo aspetto simile a quello di una tromba di colore nero, che per di più fruttifica al suo apice attorno al giorno della commemorazione dei morti.

E’ un fungo piuttosto “sicuro” poiché il suo aspetto può eventualmente venire confuso solo con quello di pochissime altre specie, anch’esse edibili e generalmente più rare, pertanto, non essendoci in natura nessun fungo velenoso simile alle trombette dei morti, si può andare sul sicuro nella raccolta e nella preparazione.

Si tratta di un fungo che rimane di dimensioni modeste, non oltre i 10 centimetri, e si presenta cavo, pertanto ne servono discrete quantità, specie se si ha intenzione di essiccarlo, pratica che, come vedremo piu’ avanti, risulta assai comune.

E’ importante lavarlo in modo accurato, poiché la sua forma cava si presta a raccogliere all’interno vari tipi di impurità come piccoli insetti e fogliame in decomposizione.

Uno dei motivi per cui viene ancora consumato, benché non sia un fungo comunemente decantato tra i migliori, è il profumo e il sapore della sua carne, inconfondibile, con note fruttate e retrogusto di tartufo nero.

E’ il momento adesso di dedicarci alla descrizione di qualche ricetta con le trombette dei morti.


Leggi anche Funghi autunnali, come riconoscerli >>

 

1. Tartufo dei poveri

tartufo-dei-poveri

 

Ingredienti

>  Trombette dei morti

 

Preparazione

Ecco il primo uso distintivo delle trombette dei morti, non una vera e proprio ricetta quanto più la preparazione di un ingredient che può venire utile per molti piatti.

Prenderemo le nostre trombette di morto e, dopo averle ben lavate, le essiccheremo completamente.

Una volta fatto, le passeremo nel macina caffe’ finche’ non vengano ridotte in fine polvere. Questa polvere nera, detta tartufo dei poveri, e’ da secoli una sorta di spezia di montagna, ideale nei risotti e nei primi piatti di pasta.

 

2. Pane tartufato

pane-tartufato

Ingredienti

>  Pane salato;

>  burro o margarina;
>  prezzemolo o foglie di coriandolo;
>  aglio;
>  tartufo dei poveri.

 

Preparazione

Abbiamo due opzioni: tagliare il pane a fette o inciderlo e lavorare l’intera forma all’interno. In ogni caso dovremo prima preparare una crema col burro, o la margarina per i vegan, con aggiunta di aglio tritato, un pizzico di sale, foglie finemente tritate di prezzemolo o di coriandolo e polvere di trombette dei morti o tartufo dei poveri.

Una volta amalgamato il tutto si può semplicemente spalmare la crema ottenuta sulle fette di pane o al suo interno tramite delle incisioni per poi passare il tutto per 20 minuti al forno a 150 gradi. Servire caldo.

 

3. Patate con trombette dei morti

patate-funghi

Ingredienti

>  Patate gialle;
>  trombette dei morti fresche;
>  scalogno;
>  rosmarino;
 peperoncino;
>  salvia.

 

Preparazione

Piatto semplice e gustoso, della tradizione contadina. Prenderemo delle patate a pasta gialla, tagliate a cubetti non troppo grandi e le metteremo in una padella fonda dove dello scalogno tagliato sta soffriggendo in olio di oliva.

Dopo un minuto passato a girare il tutto aggiungeremo dell’acqua o del brodo e abbasseremo la fiamma affinché le patate abbiamo il tempo di cuocere e ammorbidirsi. Nel frattempo aggiungeremo del peperoncino in polvere, un rametto di rosmarino che poi toglieremo prima di servire, e poche foglie sminuzzate di salvia.

A metà cottura aggiungeremo le nostre trombette dei morti, ben lavate ma ancora intere, lasciando che cuociano per bene donando il loro aroma alle patate. Aspettare che l’acqua si ritiri e il piatto divenga cremoso.

 

4. Sushi con trombette dei morti

sushi-funghi

Ingredienti

>  Riso per sushi;
>  alghe nori;
>  trombette dei morti;
>  salmone;
>  polpa di granchi;
 avocado;
>  salsa di soia.

 

Preparazione

Ecco invece un piatto moderno di cucina fusion. I sushi con ripieno di funghi diventano sempre più alla moda e le trombette dei morti sono ideali allo scopo.

Una volta cotto il riso e preparata la nostra alga nori, sarà questione di saper dosare gli ingredienti: ad una fetta di trombetta dei morti faremo corrispondere un filetto di salmone o un trancio di polpa di granchio, e finiremo il trittico con un pezzo di avocado maturo prima di richiudere il tutto e bagnare con due gocce di salsa di soia.

 

Leggi anche I benefici dei funghi in inverno >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: