Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LA RICETTA DEL LIEVITO MADRE E I SUOI BENEFICI

Ottimo perché non gonfia, ideale per chi desidera autoprodursi impasti di un certo livello, benefico e nutriente, il lievito madre non è così difficile da fare, serve solo un po' di pazienza: ecco da dove tutto ha inizio

Si chiama anche pasta acida o pasta madre, il lievito madre in molti provano a farlo, ma non tutti vi riescono.

Forse perché si usa la farina sbagliata, forse perché non si usa l'acqua giusta o non si dosano bene le parti, a volte si dà la colpa persino all'aria!

Ecco a seguire la più semplice e lineare delle ricette del lievito madre, così da realizzare impasti davvero invidiabili, persino per il panettone di Natale. Bastano un paio di ingredienti e tanta, tanta pazienza!


Ricetta del lievito madre

Ingredienti:
> 200 grammi di farina bio 00,
> 100 ml di acqua,
> un cucchiaino di miele (facoltativo)

Preparazione: impastare la farina con l'acqua, ottenendo una palla compatta. Il miele si può aggiungere o meno in fase di impasto, tenendo conto che aiuta nel processo di produzione del lievito. Mettere il panetto in una ciotola, coperta da un telo leggermente inumidito, lasciandolo così, a temperatura ambiente (20-25°C), per circa due giorni. Dopo il tempo trascorso, eliminare la parte secca dalla superficie dell'impasto, prelevando il cuore morbido.

Di lievito madre prelevatene 100 grammi, l'altra parte potrete usarla già per provare a fare impasti, magari aggiungendovi del lievito di birra per rinforzare. Quindi impastate ancora con 100 g di farina, 50 g di acqua e un cucchiaino di zucchero di canna integrale. Lasciatelo coperto come per il primo passaggio ancora per tre giorni, noterete che la massa aumenta: è il lievito che si forma.

Alimentate quindi ancora 100 grammi di lievito con la stessa dose di acqua e farina, lasciandolo riposare per altri due o tre giorni.

Dopo circa 15 giorni e vari rinfreschi - questo dipende da vari fattori, come la presenza di aria secca o umida in casa - si può usare ufficialmente la parte di lievito che serve per fare il pane o altre ricette, continuando a fare i rinfreschi con l'altra. Non temete, ve ne accorgete che il lievito è davvero pronto quando noterete che in poche ore si "mangia" tutta la farina che gli date!

 

Benefici del lievito madre

Il lievito madre richiede un numero di ore di fermentazione in più, oltre che una praticità di esecuzione dell'impasto più attenta da parte di chi lo produce, ma il risutato sarà un pane notevolmente più profumato, fragrante, ricco di bolle d'aria, i classici buchi del pane, e maggiormente resistente.

Non vanno dimenticate le notevoli proprietà che questo tipo di lievito regala in più rispetto al lievito comune: il lievito madre è generalmente meglio tollerato dall'organismo, più facilmente digeribile e non gonfia lo stomaco, come invece accade spesso con il lievito di birra; i batteri buoni di questo lievito producono infatti una serie di acidi che permettono all'organismo di assorbire più facilmente le sostanze nutritive, eliminando invece quelle di scarto.

 

Leggi anche Lievito madre: i 5 errori da non fare in fase di rinfresco >>

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: