Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LE CONFETTURE DI AGOSTO

Marmellate oltre le abitudini. Sperimentiamo qualcosa di nuovo con i fichi d'India e i peperoncini oppure antichi classici come con la confettura di pomodori verdi; o ancora accontentiamo la gola di grandi e piccini con la dolce confettura di more e vaniglia.

Agosto è indubbiamente un mese in cui Madre Natura ci regala una grande varietà di frutti di cui idealmente dovremo approfittare mangiandoli freschi, appena raccolti.

Fichi, angurie, frutti di bosco, meloni, pesche, albicocche, fichi d'india, susine, uva da tavola. In minor misura troviamo ancora fragole, pere estive, e qualche ciliegia.

A tutti questi frutti si aggiungono i frutti che commercialmente parlando vengono definiti verdure: zucchini, cetrioli, pomodori, peperoncini, melanzane.

 

Confettura di fico d'India e peperoncino

Cominciamo con una confettura inusuale ma molto intrigante, spesso consumata assieme ai formaggi o talvolta come salsa di contorno durante gli aperitivi: fico d'India e peperoncino, due frutti d’origine mesoamericana, si sposano benissimo.

Ingredienti

>  1 kg di fico d'India sbucciati;
>  750 g di zucchero;
>  5 peperoncini.

Procedimento
Iniziamo dalle basi: il fico d'India si raccoglie la mattina prestissimo, quando le spine sono ancora chiuse e quindi inadatte ad essere rilasciate.

Con dei guanti taglieremo il frutto dalla pala della pianta e lo faremo cadere in un secchio pieno d’acqua, nella quale le spine si disperderanno. Dopo questo procedimento, sarà facile sbucciare il frutto senza venirne irritati. La polpa dei frutti verrà messa in una pentola a cuocere con un bicchiere d’acqua e lo zucchero, finché il tutto non si liquefaccia caramellandosi lievemente.

A questo punto è questione di filtrare via i semi e aggiungere i peperoncini, lasciando il tutto sulla fiamma media in attesa che raggiunga la densità desiderata.

Questo tipo di confettura dà il meglio di sé se non gelifica troppo. Quando abbiamo il nostro prodotto finale possiamo rimuovere i peperoncini e imbarattolare.

 

Leggi anche Ricette con il peperoncino >>

 

Confettura di pomodori verdi

La famosa confettura di pomodori verdi è una prelibatezza dei tempi andati che sta scomparendo dalle tavole delle nuove generazioni, più attratte dal junk food o dai cibi esotici, e sempre meno dalle bontà della nostra tradizione.

Si tratta di una confettura ideale coi formaggi o nelle tigelle.

Ingredienti

>  1 kg di pomodori verdi;
>  300 g di zucchero;
>  1 limone.

Procedimento
Lavare e tagliare i pomodori, rimuoverndone i semi. Lasciarli una notte a macerare nello sciroppo composto dal succo del limone assieme allo zucchero.

Non contenendo pectina, questa confettura richiederà più tempo di cottura per raggiungere il livello di densità giusta, ideale per essere spalmata.

Prima di mettere il tutto sulla fiamma, lievemente alta, aggiungeremo la buccia grattata del nostro limone e continueremo a girare tutto il tempo, alla fine del quale trasferiremo la nostra confettura ancora calda nei vasetti sterilizzati.

 

Confettura di more e vaniglia

Uno dei frutti più amati durante il mese di agosto sono senza dubbio le more di rovo, adorate specialmente dai bambini e delle quali si usa preparare confetture ideali per colazioni e merende. E’ uno dei frutti di bosco più comuni sul territorio italiano e non è difficile andare a raccoglierle personalmente.

Ingredienti

>  1 kg di more di rovo;
>  400 g di zucchero;
>  1 limone;
>  1 bacca di vaniglia.

Procedimento
Raccoglieremo in una terrina le more ben lavate e vi aggiungeremo mezzo bicchiere d’acqua, il succo di un limone e i 400 grammi di zucchero preparati in precedenza per far macerare il tutto un’intera notte.

Il giorno seguente possiamo frullare o utilizzare un passaverdure per ridurre la nostra frutta macerate in una crema pronta alla cottura. Una volta messa sul fuoco, aggiungeremo una bacca di vaniglia tagliata verticalmente o una busta di vanillina.

Cuoceremo a fiamma bassa per circa 25 minuti, porremo il prodotto nei vasetti che, una volta assicurata la buona riuscita del sotto vuoto, riporremo in una dispesa protetta dalla luce per circa un anno e mezzo, se necessario.

 

Leggi anche 4 confetture di verdure >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: