Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

IL LATTE DI SOIA FATTO IN CASA

Tra gli scaffali leggiamo tanti nuovi tipi di latte. Difficile capire come si possano ottenere, ma pochi passi per imparare a farne uno: ecco qui il latte di soia fatto in casa!

Il latte di soia, molto usato in oriente, per esempio in Cina o in Giappone, è una bevanda alimentare vegetale a base di soia. In occidente viene usato come sostituto del latte materno o del latte di origine animale, soprattutto di mucca, in alcune diete come nella dieta vegana o per chi è intollerante alle proteine del latte vaccino e al lattosio.

Il latte di soia è nato in Cina, paese originario della soia, dove questo legume è utilizzato per scopi alimentari fin dai tempi più antichi. Il latte di soia tradizionale è costituito da un insieme di proteine (circa 3%), grassi (circa 2%), acqua, carboidrati e minerali. Si usa consumarlo nei paesi asiatici accompagnato da particolari tipi di pane o con altri alimenti caratteristici; dal latte di soia viene anche prodotto un tipo di gelato, dolci e formaggi come il tofu.

 

Vuoi sapere quali sono gli altri sostituti del latte?

 

Latte di soia fatto in casa: la ricetta

Il latte di soia può essere prodotto a partire da soia gialla essiccata intera o da farina di soia. Ecco la ricetta per prepararlo:

Ingredienti:
> 100 grammi di soia intera
> 800 ml di acqua

La soia intera viene posta in acqua per una notte; l'ammollo della soia per almeno una notte (8-12 ore) fa in modo che i fagiolini si gonfino e che venga facilitata l’estrazione del latte.

Versare quindi la soia ammorbidita in un mixer l'acqua, azionarlo fino a ottenere una specie di frullato. Mettere poi il composto in una pentola con un litro di acqua e portare ad ebollizione il tutto, a fiamma costante e bassa, per 20 minuti circa.

La tanta schiuma che viene prodotta è normale, basta toglierla quando si forma con una schiumarola. Lasciar intiepidire e scolare il tutto con l'aiuto di un colino e un canovaccio posto all'interno, utile per raccogliere la parte densa chiamata okara, da riutilizzare per la preparazione di polpette veg o per ricette simili. Il liquido che scende è il latte di soia pronto per essere consumato, al naturale, dolcificato o aromatizzato con vaniglia, miele, malto, cannella o come più vi piace! Si può conservare in frigorifero, imbottigliato, per un massimo di tre giorni.

 

 

Curiosità: esiste una differenza tra il processo di preparazione del latte di soia cinese e quello giapponese: il metodo cinese prevede la bollitura del filtrato dopo filtrazione a freddo, cosa che fa produrre meno schiuma, mentre quello giapponese prevede dapprima la bollitura dell'impasto liquido seguita da filtrazione a caldo.

 

Scopri anche come fare in casa il latte di riso

 

Per approfondire:
>  Le proprietà e gli usi della soia

>  Come coltivare la soia

Latte di soia e squilibri ormonali

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: