Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

ACIDITÀ EMATICA: COME TI INDEBOLISCO LE OSSA

L'introduzione continua di cibi o bevande acide creano un successivo ambiente ematico acido. Questa tendenza non fisiologica, deve essere immediatamente combattuto dall’organismo in quanto, il range entro cui il PH ematico deve mantenersi è estremamente stretto (PH ematico 7,40>7,60). L'organismo attraverso i sistemi tampone, tra cui il rilascio del calcio, tende al riequilibrio dell'omeostasi

Il calcio (CA) è un minerale diffuso e abbondante in natura; la crosta terrestre ad esempio, ha un’elevata concentrazione di questo minerale al pari delle ossa umane, le quali ne contengono il 98% di quello presente nel corpo. E’ un minerale che partecipa non solo alla formazione delle ossa (per tal motivo, i pediatri prescrivono in via precauzionale, un’integrazione alimentare a neonati e bambini) ma anche dei denti, alla coagulazione del sangue e alla trasmissione degli impulsi nervosi, nonché alla contrazione muscolare e conduzione elettrica nel cuore.

Il calcio è presente maggiormente in alimenti di origine animale dunque, latte, formaggi, salumi, carni e per tale ragione questi sono i cibi consigliati a chi necessita una quota addizionale del minerale. Si pensi alle donne in premenopausa o nei casi di osteopenìa (riduzione fisiologica della massa ossea) oppure marcatamente patologico come nell’osteoporosi. 

Seppur sia corretto integrare con l’alimentazione una quota maggiore di calcio, bisogna prestare attenzione a un fenomeno fisiologico biochimico che, se trascurato può indebolire le ossa anziché rinforzarlo. Tutti i cibi sopra menzionati, creano un ambiente ematico acido e ciò deve essere immediatamente combattuto dall’organismo in quanto, il range entro cui il PH ematico deve mantenersi è estremamente stretto (PH ematico 7,40>7,60).

Perciò dovendo combattere l’acidità ematica, l’organismo, per l’effetto dei sistemi tampone, preleva dalle ossa il calcio e lo rilascia in circolo. Se il fenomeno continua nel tempo ecco che il serbatoio umano di calcio, le ossa, tenderanno a indebolirsi riducendo la propria massa. Molti nutrizionisti consigliano di mangiare formaggi freschi e magri come ricotta, mozzarella, caprino e comunque per non più di due volte la settimana, anche in presenza di osteoporosi.

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: