Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

IL SAPONE DI ALEPPO: IL PRIMO DI TUTTI I SAPONI DEL MONDO

Il sapone di Aleppo, completamente naturale e vegetale, ha origini antichissime e mille usi diversi. L’hai mai provato?

Generalità del sapone di Aleppo

Il sapone di Aleppo è un sapone naturale per l’igiene della persona, di origine molto antica. Le prime testimonianze sul suo utilizzo risalgono al 2.500 a.C. Questo sapone è tipico della Siria e più precisamente della città di Aleppo, da cui prende il nome.

A differenza del sapone di Nablus, che contiene esclusivamente olio d’oliva, il sapone di Aleppo è composto da olio d’oliva e olio d’alloro.

È prodotto ancora artigianalmente, seguendo lo stesso processo di saponificazione utilizzato sin dall’antichità. In un paiolo, l’olio d’oliva è trattato con soda estratta dal sale marino e cotto per più giorni; una volta terminata questa fase, durante il raffreddamento, viene aggiunta una percentuale variabile di olio di alloro, che rende il sapone di Aleppo più profumato e più prezioso. Maggiore è la percentuale di olio di alloro, più pregiato è il sapone.

Una volta preparato, il sapone di Aleppo, viene tagliato a mano e messo ad asciugare per almeno nove mesi su un’apposita struttura. Più è lungo questo processo di maturazione, migliore sarà il prodotto ottenuto.

È all’origine di tutti i saponi duri esistenti al mondo; per esempio, il sapone di Marsiglia, nato in Francia nell’omonima città, deriva proprio dal sapone di Aleppo.

 

Leggi anche Gli shampoo naturali

 

Benefici del sapone di Aleppo

Il sapone di Aleppo è dunque composto esclusivamente da ingredienti naturali vegetali ed è privo di additivi di sintesi. La sua composizione lo rende particolarmente adatto alle pelli delicate e a chi soffre di allergie e intolleranze ai profumi ed altri additivi, comunemente presenti nei detergenti per l’igiene personale. Il sapone di Aleppo, infatti, non secca e non irrita la pelle. Ha, inoltre, proprietà antiossidanti, antibatteriche e antitarme.

Può essere usato in tanti modi:

  • per la pelle di viso e corpo, soprattutto quando è secca e sensibile; in tal caso, però, è consigliabile sceglierne uno con una bassa percentuale di olio di alloro;
  • come struccante;
  • per lavare cuoio capelluto e capelli;
  • per l’igiene intima;
  • per il bagnetto di bambini e neonati; attenzione solo a non farlo andare negli occhi, perché è leggermente irritante;
  • per la rasatura, al posto della schiuma dalla barba;
  • per fare il bucato, a mano o in lavatrice; in questo secondo caso va ovviamente grattugiato prima di essere inserito in lavatrice;
  • in cassetti o armadi.

Per mantenerne inalterate le qualità, non va mai chiuso in un portasopone di plastica. L’ideale è tenerlo scoperto e appoggiato su un supporto in legno.

Il costo del sapone di Aleppo, come accade spesso per ii prodotti naturali artigianali, non è economico, ma se si considerano tuti gli usi e la durata del panetto, ci si accorgerà che il prezzo più alto rispetto a quello di altri saponi, in realtà, si ammortizza (e la natura ringrazia).

Dove si acquista? Nelle erboristerie e nelle parafarmacie più fornite, oppure on line.

 

Scopri anche proprietà e usi del sapone nero

 

Per approfondire:
> Le proprietà, i benefici e gli utilizzi dell'olio di alloro

> 3 saponi a confronto: di Aleppo, rosa dell'Himalaya e ai microrganismi effettivi

> Surgras, il sapone non sapone

 

Immagine | Improntaunika

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: