Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

RIMEDI PER I GRANI DI MIGLIO

Ecco qualche consiglio su come prevenire ed eliminare in modo naturale i grani di miglio della pelle, quelle fastidiose sfere giallastre che compaiono all'improvviso su guance e contorno occhi!

La pelle e sue sorprese

Vi alzate una mattina, vi guardate allo specchio e scoprite una cosa nuova sulla pelle del viso: sono delle piccole palline giallastre che assomigliano proprio ai granelli del miglio. Non è niente di preoccupante, quelli che comunemente sono chiamati “grani di miglio” in realtà sono degli accumuli di cheratina, delle specie di cisti cutanee.

 

Perché compaiono?

Rotonde oppure ovali, di pochi millimetri di diametro, i grani di miglio compaiono per diverse ragioni. Anzitutto vi possono essere stati dei traumi, come ustioni o abrasioni; anche l’ostruzione dei follicoli piliferi può aver contribuito alla loro formazione, occlusione spesso causata da cattivi prodotti, creme o fondotinta con siliconi per esempio, che non lasciano traspirare la pelle. Anche il sole e il freddo possono essere cause scatenanti.

Queste piccole sfere compaiono sia nell’uomo che nella donna, in varie fasi d’età, più frequentemente neonatale e adulta. Le guance e le palpebre sono le aree più colpite. Nel neonato i granelli di miglio sono fisiologici e scompaiono da soli, mentre quelli che si formano in età adulta sono un po’ più difficili da eliminare. Le soluzioni possono essere più o meno invasive. Le più invasive prevedono l’uso di bisturi o laser, ovvero si taglia il granulo e si spreme il materiale che c’è dentro. In alternativa vi è il peeling chimico che il dermatologo esegue con acidi.

 

LEGGI ANCHE I DETERGENTI NATURALI PER IL VISO

 

I rimedi naturali

Prevenire, anche in questo caso, è la cosa migliore, e niente è più efficace della cosmesi naturale. La pulizia quotidiana del viso è cosa molto importante, da eseguire con prodotti delicati, come oli, struccanti e tonici dolci, saponi naturali, come il sapone d'Aleppo o il sapone alla nigella. Da evitare assolutamente sono saponi e prodotti schiumogeni troppo sgrassanti e irritanti.

In secondo luogo è importante esfoliare regolarmente la pelle del viso, una volta ogni due settimane. Un peeling naturale a base di zucchero, miele, yoghurt e limone è l’ideale. Una volta al mese ci si può dedicare una maschera fai da te, all’argilla o alla frutta, che contiene acidi naturalmente rivitalizzanti.

Idratare e nutrire in modo corretto è il terzo step. Evitare i prodotti che contengono ingredienti ad effetto comedogenico, che frequentemente si trovano nei cosmetici, in particolare nelle creme idratanti. Sono petrolati (paraffina liquida e vaselina) e siliconi: fate attenzione quando vengono indicati tra le prime voci dell’INCI! Ricordate che gli ingredienti vegetali che non hanno subito processi chimici sono indicati con il loro nome botanico latino, seguito da un termine inglese che indica quale parte ne è stata utilizzata (es. verbena officinalis extract). Al posto di prodotti ricreati in laboratorio, che lisciano solo superficialmente il derma, creando una pellicola, è importante fare uso di nutrienti veri, come oli vegetali puri, come l’olio di jojoba, l’olio di mandorle dolci, l’olio di Argan, l’olio di germe di grano e l’olio di ricino.

Curare ciò che si mangia. Curare la pelle significa aumentare il numero di quegli alimenti che fanno bene alla pelle. Conseguentemente vuol dire anche limitare il consumo di cibi dannosi, come grassi, dolci confezionati, cioccolato, insaccati e formaggi grassi; via libera quindi a frutta e verdura fresche e di stagione, non facendosi mancare mai tisane, tè verde e acqua naturale.

Consiglio: provate a fare una ricerca sull’INCI dei cosmetici e scoprite cosa dicono dei prodotti che state usando. Se vedete che c'è qualcosa di comedogeno, provate ad eliminarlo, potrebbe funzionare! Attenzione anche al trucco: si raccomanda di utilizzare sempre prodotti per il make-up di qualità e naturali, non occludenti.

 

Leggi anche:
> Grani di miglio, i 5 rimedi TOP
Le proprietà, i benefici e gli usi dell'olio di germe di grano

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: