Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

OMEOPATIA E DISTURBI

Colite e omeopatia

A cura del Dott. Francesco Candeloro

 

La colite è un insieme di disturbi che vanno dai dolori al basso ventre fino all'alterazione delle funzioni intestinali. Tipico di persone ansiose, può dipendere anche da diete e alimentazione scorretta. Scopriamo i rimedi omeopatici per prevenirla e curarla.

Colite, rimedi omeopatici

 


Cause e sintomi della colite

La colite è un termine generico che spesso indica una serie di disturbi, tra i quali il più frequente è il dolore crampiforme e la variabilità delle funzioni intestinali con predominanza ora della diarrea, ora della stitichezza. Si tratta di disturbi che, frequentemente, si presentano in persone particolarmente ansiose, oppure che seguono diete errate, caratterizzate da eccessiva assunzione di bevande alcoliche o stimolanti, o ancora che consumano, in quantità ridotta, cibi contenenti fibre alimentari.

Il quadro più comune e benigno spesso indicato con questo termine è noto come sindrome dell’intestino irritabile o colon irritabile, in cui a livello delle mucose non si rileva, o quasi, infiammazione; esistono poi forme decisamente più importanti e a tendenza anche evolutiva, in cui i sintomi spesso sono complicati da processi infettivi locali, restringimenti (stenosi), ulcerazioni o tragitti fistolosi, e che configurano due diverse entità nosologiche note rispettivamente come Morbo di Crohn e Colite ulcerosa.

Oltre a consigli dietetici atti a modificare l’alimentazione, con una maggiore introduzione di fibre alimentari, o la riduzione delle stesse, verso le quali alcuni individui mostrano intolleranza, nonché tesi anche ad aumentare la quantità di acqua da assumere giornalmente, nelle forme senza particolari danni delle mucose si utilizzano  - negli episodi più acuti - antispastici e/o antidiarroici, oltre a farmaci diretti a sedare gli stati di ansia, che, come abbiamo detto, molto frequentemente si associano, o addirittura arrivano a scatenare, questo tipo di disturbi.

Più complesso invece è il trattamento delle altre due forme citate, il Morbo di Crohn e la Colite Ulcerosa che, proprio per la loro aggressività necessitano sovente di interventi farmacologici locali e/o sistemici, tesi a ridurre l’infiammazione locale, e a prevenire così le possibili complicanze  a lungo termine delle due patologie, che comportano anche ad un maggior rischio di tumore del colon-retto.

 

Puoi approfondire quali sono i cibi ricchi di fibre e quali evitare

Cereali ricchi di fibre

 

I rimedi omeopatici contro la colite

Proprio l’approccio particolare dell’omeopatia ad ogni singolo disturbo, tanto in acuto quanto in cronico, diretto sempre alla cura della persona come fosse una cosa sola, e indivisibile, di psiche e corpo, permette di ottenere in questi casi successi terapeutici, che sono certamente meno evidenti con le terapie tradizionali, le quali demandano spesso a diverse specialità, e farmaci, l’approccio ai disturbi locali e intestinali rispetto a quelli dell’emotività della persona, la quale sembra giocare un ruolo importante anche nelle due forme più aggressive di colite.

Lo studio particolareggiato della persona affetta da questi disturbi, partirà infatti dal considerare, oltre alla costituzione anatomica - con i soggetti longilinei senza dubbio più esposti, per la loro sensibilità, agli stati emotivi e ansiosi - anche traumatismi infantili nelle relazioni parentali, che possono aver condizionato, fin dai primi anni, il corretto approccio della persona ad avvenimenti e circostanze, permettendoci di effettuare un approccio decisamente più globale, anche in senso temporale, e come tale causale o eziologico, cosa che, nel tempo, si rivelerà superiore a quello tradizionale, meramente locale e attuale. Va poi sottolineato che le tre diverse entità patologiche descritte si rifanno ad altrettante diverse modalità di aggressività di tutte le malattie, che vanno dal semplice disturbo funzionale, nel Colon Irritabile, alla lesione a carattere cronico-stenosante, nel Crohn, fino a quella decisamente più aggressiva e lesionale della Colite Ulcerosa.

Questi tre stadi, che sono tuttavia indipendenti, ci ricordano le tre diatesi principali  - che in omeopatia devono essere ricercate e curate in ogni disturbo cronico - e che sono la Psora, dove prevalgono i disturbi funzionali e alternanti, la Sicosi, dove si stabilisce un equilibrio tra malattia e difese, e il Luesinismo, in cui la malattia prende il sopravvento, con lesioni sempre più aggressive e distruttive. In questi malati le fasi di riacutizzazione dei disturbi possono seguire a situazioni di ogni genere, che vanno da contrasti e vessazioni, forti spaventi, esposizione a particolari condizioni climatiche, assunzione di determinati cibi, o eccessi degli stessi; tutte situazioni che possono beneficiare di rimedi opportuni a ognuno di questi singoli casi, e quindi realizzare, anche in acuto, una terapia causale, presto risolutiva.

 

LEGGI ANCHE
L'alimentazione corretta per la cura della colite

 

Altri articoli sulla colite:

>  I fermenti lattici contro la colite

>  I rimedi fitoterapici per combattere la colite

Tutti i rimedi naturali contro la colite

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy