Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

RIMEDI NATURALI CONTRO LA MUFFA

Come eliminare la muffa in modo naturale? Vediamo come intervenire per prevenire ed evitare il ritorno della tanto temuta muffa

La muffa può danneggiare edifici e arredamenti e causare problemi alla salute, in particolare irritazioni delle vie respiratorie: vediamo come eliminare la muffa dagli ambienti domestici.

 

Rimedi naturali contro la muffa: quali prodotti usare

Per risolvere il problema della muffa, spesso è sufficiente evitare che si generi troppa umidità negli ambienti. La muffa in genere tende a formarsi soprattutto nei mesi invernali, quando apriamo poco le finestre e lasciamo il bucato ad asciugare in casa: se non facciamo circolare l'aria e lasciamo che l'umidità resti tra le mura di casa, si formeranno presto muffe sulle pareti del bagno, della cucina o di altre stanze. Ricordiamo quindi di aprire le finestre per qualche minuto al giorno anche durante i mesi freddi; anche quando stendiamo il bucato, lasciamo la finestra leggermente aperta per evitare che si crei troppa umidità nella stanza.

Se non dovesse bastare possiamo ricorrere al sale, rimedio utile per assorbire l'umidità in eccesso: un'idea carina è quella di versare del sale grosso all'interno di bicchieri o vasi in vetro e sistemare all'interno una candela, per avere un rimedio contro l'umidità che sia anche bello da vedere.

Per eliminare le muffe dai muri e dalla doccia, laviamo le macchie con una soluzione di acqua e bicarbonato di sodio a cui aggiungere poche gocce di olio essenziale di tea tree: per effettuare l'operazione sui muri è preferibile aspettare i mesi caldi, perché le temperature elevate permetteranno al muro di asciugare velocemente.

Se l'umidità e la muffa sono un problema rilevante è necessario rivolgersi a un'impresa edile o di imbiancatura per risanare la situazione.

 

Rimedi naturali contro la muffa: quando e perché intervenire

Le muffe crescono e si sviluppano in ambienti umidi, quali bagni, docce, lavanderie, cucine, ma anche altri ambienti della casa poco areati; le muffe sono infatti capaci di adattarsi a diverse temperature e range di pH e crescono in modo ottimale intorno ai 20-25°C a pH compreso tra 4 e 8.

Umidità e muffa non sono solo un problema antiestetico: con il tempo danneggiano l'arredamento e i muri di casa e, cosa ancora più importante, possono causare problemi alle vie respiratorie, alla pelle e agli occhi.

Chi vive in ambienti molto umidi e in cui sono presenti muffe può soffrire di irritazioni e allergie della pelle, tosse, asma ed è più suscettibile alle infezioni che interessano le vie respiratorie.

Non ci si deve preoccupare per piccole macchie di umidità e muffa in una stanza, ma se abbiamo un problema più grave è necessario correre ai ripari eliminando al più presto sia le macchie sie la causa che ha portato alla formazione della muffa, per evitare che il problema si ripresenti.

 

Scopri le miscele di oli essenziali per purificare la casa

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: