Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

ELIMINARE I CATTIVI ODORI IN CUCINA

Come eliminare i cattivi odori in cucina in modo naturale

Dall'odore di fritto a quello di broccolo, fino ai sentori emanati da lavello e frigorifero: ecco qualche consiglio green per eliminare l'aria sgradevole in cucina in modo naturale.

 

Come eliminare i cattivi odori della cottura dei cibi

Per eliminare odori sgradevoli emanati dalla cottura di alcuni cibi, l’ideale sarebbe aerare le stanze aprendo le finestre per una decina di minuti: se non dovesse essere possibile (o se non dovesse essere sufficiente) esistono rimedi naturali ai cattivi odori della cucina.

Se vogliamo ad esempio liberarci dell’odore lasciato dalla cottura di alcune verdure, come cavolfiore e broccolo, possiamo far bollire in acqua diverse spezie “mangia odori” come chiodi di garofano, finocchio, anice stellato, cannella e cardamomo: dopo aver portato a bollore due bicchieri d’acqua con un mix di queste spezie si lascia bollire per cinque-dieci minuti per eliminare i cattivi odori della cucina.

Eventualmente si possono aggiungere anche bucce d’arancia e mandarino tagliate in piccoli pezzi.

Ovviamente si può ottenere lo stesso risultato diffondendo nell’aria qualche goccia di olio essenziale nell'apposito diffusore: arancia, mandarino, limone, cannella, anice, chiodi di garofano, ma anche tea tree, rosmarino e menta, sono molto efficaci per eliminare i cattivi odori della cucina. Puoi trovare degli ottimi oli essenziali nel nostro shop.

Se invece ci siamo concesse un goloso e poco salutare fritto, possiamo sbarazzarci del cattivo odore facendo bollire acqua e foglie di alloro: sistemate 4 o 5 foglie di alloro spezzettate in un bicchiere di acqua, portate ad ebollizione e lasciate sul fuoco per 5-10 minuti per eliminare l'odore di fritto.

Infine, chi cucina pesce e vuole eliminare l’odore dagli ambienti ma anche da taglieri, superfici lavabili e utensili può preparare un infuso con la buccia di un limone e un rametto di rosmarino in due bicchieri di acqua: lasciate bollire per cinque/dieci minuti, poi fate raffreddare, filtrate e utilizzate l’infuso per pulire le superfici da deodorare.

In generale, per eliminare il cattivo odore di pesce, formaggi e uova dalle stoviglie è sufficiente aggiungere uno o due cucchiai di aceto di vino all'acqua di ammollo dei piatti, prima di procedere con il lavaggio.


Leggi anche Spugne per pulire casa, come conservarle >>

 

Eliminare i cattivi odori dagli elettrodomestici e dagli scarichi

Se lo scarico del lavello dovesse emanare cattivo odore, provate questo rimedio: versate un bicchiere di bicarbonato di sodio direttamente nello scarico del lavello e subito dopo un bicchiere di aceto di vino bianco.

Quando terminerà l'effervescenza data dalla reazione di bicarbonato e aceto, aprite il rubinetto dell’acqua calda per qualche secondo, per eliminare i residui. Per prevenire la formazione di cattivi odori nel lavello, prestate attenzione a non gettare nello scarico residui di cibo.
Anche la lavastoviglie può emanare cattivi odori: anche in questo caso come per il lavello, bisogna evitare di lavare le stoviglie con residui di cibo.

Inoltre, tra un lavaggio e il successivo ricordate di lasciare il portellone della lavastoviglie avvicinato e non completamente chiuso e, periodicamente, effettuate un lavaggio a vuoto con bicarbonato di sodio.

Per eliminare i cattivi odori dal frigorifero e per prevenire la formazione, procedete periodicamente a una pulizia del frigorifero (e a un controllo del contenuto, eventualmente eliminando prodotti scaduti e maleodoranti) con prodotti naturali come acqua e aceto, acqua e limone oppure acqua e bicarbonato.

Una pulizia periodica del frigorifero dovrebbe essere sufficiente a prevenire la formazione di cattivi odori ma, in aggiunta, potete collocare all’interno del frigorifero una piccola ciotola o tazzina con del bicarbonato di sodio o di fondi esausti di caffè, sostanze capaci di assorbire gli odori.

Il forno o il microonde possono emanare cattivi odori soprattutto se sono presenti residui di cibo o olio da cotture precedenti, che bruciando emanano odore sgradevole: per evitarlo, ricordate di pulire il forno o il microonde con acqua e aceto dopo l’utilizzo, nel caso del forno meglio quando è ancora tiepido.


Leggi anche Come pulire i vetri in modo naturale >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: