Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

FRUTTA

Carambola: proprietà, benefici, come si mangia

La carambola, frutto originario dell'India, è ricco di acqua e vitamina C ed è un naturale antipiretico e antinfiammatorio. Scopriamolo meglio.

>  Descrizione del frutto

>  Carambola, alleato di

>  Calorie, valori nutrizionali e proprietà della carambola

>  Controindicazioni della carambola

>  Curiosità

>  Come si mangia la carambola

Carambola

 

Descrizione del frutto

Si tratta di un sempreverde originario dell'Asia, più precisamente dell'India, dove cresce in forma cespugliosa ed è caratterizzato dall'intenso profumo della pianta, dai bei fiori rosa-violetto che l'adornano a grappoli, e per la forma curiosa del frutto succoso e profumato: una particolare sezione a stella (tra i frutti, solo il babaco ha una forma simile).

Man mano che il frutto matura, raggiunge un tono di colore giallo e la superficie della buccia acquista una sorta di cerosità. Il sapore è dolce, benché ricordi un po' alcuni agrumi.

 

Carambola, alleato di

Gola, controllo del livello di colesterolo e di zuccheri nel sangue, digestione.

 

Calorie, valori nutrizionali e proprietà della carambola

100 grammi di carambola contengono 36 calorie.

Inoltre, per 100 g di questo prodotto, abbiamo:

  • Proteine 0,38 g
  • Grasso 0,08 g
  • Carboidrati 9,38 g
  • Fibra 0,80-0,90 g

Ricco di acqua e vitamina C, è un naturale antipiretico, antinfiammatorio, espettorante, analgesico, diuretico. Ha un basso contenuto di calorie e spicca soprattutto per i buoni contenuti di potassio, vitamina C, niacina e acido pantotenico.

È un'ottima fonte di vitamine, ed ha la capacità di tenere sotto controllo il rischio d'infarto. Contiene inoltre vari antiossidanti, specie la quercetina, l'acido gallico e l'epicatechina.

 

La carambola, come l'avocado, tra i cibi ricchi di antiossidanti: scopri gli altri

Avocado tra i cibi antiossidanti

 

Controindicazioni della carambola

Per via dell'alta concentrazione di acido ossalico e della presenza di particolari neurotossine che vengono di norma filtrate dai reni, il frutto può risultare pericoloso, ed è quindi sconsigliato, a chi ha problemi di reni, specie chi è in dialisi. Come qualche altro frutto (pompelmo, uva, limone...) la carambola sembra interagire con molti farmaci e droghe, pertanto è sconsigliabile consumare durante trattamenti farmacologici.

 

Curiosità

Il nome scientifico Averrhoa carambola è un omaggio ad Averroé, celebre filosofo e medico della Spagna mussulmana, mentre “carambola” è un termine ispanico che significa “trucchetto”, “aggirare un problema”, usato fin dall'inizio per indicare l'albero.

 

Come si mangia la carambola

Ai tropici si consuma fresco o sotto forma di succo mentre in Occidente viene generalmente utilizzato come guarnizione di insalate o decorazione per i cocktail.

 

LEGGI ANCHE
Le proprietà, i benefici e le controindicazioni del frutto Jambul

 

Immagine | Wikipedia

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy