Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

RIMEDI OMEOPATICI

Calendula, proprietà e uso

La Calendula è un rimedio omeopatico ricavato dalla tintura madre della Calendula officinalis, utile per la salute di pelle, stomaco e ghiandole. Scopriamola meglio.

>  1. Descrizione della Calendula

>  2. Quando si usa

>  3. Dosi e somministrazioni

>  4. A chi è consigliata la Calendula

Calendula

Descrizione della Calendula

Il rimedio omeopatico Calendula si ottiene dalla tintura madre di foglie e fiori di Calendula officinalis e dalle successive diluizioni e dinamizzazioni in soluzione idroalcolica.

Calendula officinalis è una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Composite. Selvatica, cresce qua e là nei campi e può essere coltivata nei giardini. Fiorisce quasi tutto l’anno (da aprile a ottobre). Per le diverse proprietà terapeutiche la pianta è utilizzata in medicina naturale.

È antisettica, antifungina e contiene ormoni e precursori della vitamina A. I petali tonificano la pelle, ne curano le screpolature, le ustioni e gli eczemi. Inoltre con essi è possibile preparare lavaggi calmanti per gli occhi e un colorante giallo.

I fiori del disco mostrano effetti che riducono lo sviluppo dei peli, utili nelle creme per il viso. Per uso interno cura dolori di stomaco, infiammazioni dei nodi linfatici e stimola il fegato, aiutando gli alcolisti a disintossicarsi. Le foglie si usano nelle insalate e i fiori per decorare piatti di riso e di pesce.

 

Quando si usa Calendula

Calendula è un rimedio ad azione profonda che agisce sulle forze vitali dell’organismo, rivitalizzando il metabolismo. Riequilibra l’assorbimento del calcio, per cui agisce specificamente sulle ossa e sulle articolazioni, nonché sulle ghiandole linfatiche, sulle vene, sulla pelle, e sugli apparati digerente, respiratorio, urinario e genitale femminile.

Agisce sul sistema linfatico e su diversi organi e ha una particolare affinità per l’apparato genitale femminile. Ha proprietà antisettiche, antinfiammatorie e cicatrizzanti. Il rimedio è utile anche nei casi di ulcere, eruzioni erpetiche, indurimento delle ghiandole, ascessi tonsillari, difficoltà ad urinare degli anziani. Si rivela un rimedio prezioso in ostetricia e in odontoiatria.

Il rimedio omeopatico Calendula si usa in generale nei seguenti casi:

  • disturbi ghiandolari, gonfiore e indurimento dei linfonodi di qualsiasi parte del corpo (sottomandibolari, ascellari, inguinali, ecc.)
  • problemi alla pelle, eritemi, orticaria, eczemi, calli, micosi, tagli, bruciature, punture d’insetti, arrossamenti in generale, herpes
  • disturbi alla bocca, come piccole vescicole agli angoli
  • problemi alla gola, tonsillite, ghiandole sottomascellari gonfie e dolenti ad ogni movimento della testa
  • disturbi ai denti, estrazioni dentarie con lacerazione delle gengive
  • disturbi all’apparato gastroenterico, gastrite, ulcere, bruciature, escoriazioni all’esofago
  • disturbi dell’apparato genitale femminile, infiammazione ed infezione uterina conseguenti a parto
  • disturbi all’apparato genitale maschile
  • problemi dell’apparato respiratorio, raffreddore, polmonite
  • problemi all’apparato urinario, difficoltà urinarie negli anziani
  • dolori generalizzati, reumatismi, dolori nevralgici, lombaggine; dolori muscolari, cefalea che fa seguito ad un trauma, dolori all’addome o al basso ventre

 

Dosi e somministrazione

Per uso interno: per tutti i casi, diluizione 3CH, 3 granuli o 5 gocce da 3 a 6 volte al dì. Per uso esterno: per tutti i casi, pomata o soluzione da applicare sulla parte interessata 2 – 3 volte al dì.

 

A chi è consigliato Calendula

Il soggetto Calendula è irritabile, depresso, nervoso, ha un udito molto acuto, si spaventa facilmente e l’atto del bere gli provoca forti brividi. I sintomi peggiorano all’aria aperta, con il freddo, con l’umidità, con il tempo nuvoloso.

Migliorano con il riposo o, nel caso di malattia con febbre, se il soggetto passeggia.

 

LEGGI ANCHE
Le proprietà audermiche dell'olio di calendula

 

Altri articoli sulla calendula:

>  Come coltivare la pianta di calendula

>  Creme alla calendula: benefici e come farle

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy