Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

RISPARMIO DUNQUE SONO. PICCOLI CONSIGLI DA METTERE NELLO ZAINO ECOLOGICO

Cosa si intende per zaino ecologico? E cos'è la finanza etica? Come si può comprare meno e meglio? Piccole dritte per aiutare un pianeta che non ci è proprio estraneo, anzi, diciamo che ci tiene in vita, nonostante la negligenza che abbiamo mostrato finora nei suoi confronti

Comprare meno e meglio  

Se posso evitare di fare un danno compiendo un'azione, perché dovrei rinunciare a questa possibilità? Non esistono prodotti ecologici, solo prodotti meno dannosi rispetto ad altri e per il benessere del pianeta. Ogni prodotto implica consumo di natura, di energia e di tempo di lavoro. Per questo è bene comprare con coscienza, non disperdere. La regola vale anche per le vostre energie, cercate di non disperderle inutilmente, focalizzatevi su ciò che l'intuizione indica. 

Vi conviene optare per prodotti a minore intensità di materiali e con meno imballaggi, tenendo conto del loro peso diretto, ma anche di quello indiretto, cioè dello "zaino ecologico". Di cosa si tratta?

 

LEGGI ANCHE ARREDAMENTO ECOLOGICO (E LOW COST)

 

Cos'è lo zaino ecologico 

Immaginate che ogni cosa abbia un peso visibile e uno che, sviluppando un pensiero di consumatore critico, si riesce via via a vedere sempre meglio. Questo secondo peso è lo zaino ecologico. Si tratta del carico di natura che ogni prodotto o servizio si porta sulle spalle, sebbene non in modo immediatamente manifesto. In altre parole, il peso dei materiali prelevati dalla natura per realizzare un prodotto o un servizio, meno il peso del prodotto stesso. Lo zaino ecologico viene espresso sia in kg di natura / kg di prodotto sia in kg di natura / unità di prodotto. Per esempio: automobile media (1 tonnellata) 25 tonnellate, motocicletta (190 kg) 3 tonnellate, marmitta catalitica 3 tonnellate, computer da tavolo (15 kg) 15 tonnellate. In generale più un prodotto industriale è elaborato, maggiore è lo zaino ecologico che si porta dietro.

Si distingue tra cinque diversi componenti dello zaino ecologico:

  1. Materiali abiotici: pietre, ghiaia, sabbia, minerali, combustibili fossili (carbone, petrolio, gas minerale);
  2. Materiali biotici: biomassa vegetale e animale;
  3. Terreno per produzioni agricole e forestali: quantità di terreno fertile perso per erosione;
  4. Acqua: prelevata per usi industriali o agricoli;
  5. Aria: prelevata per trasformazioni fisiche (separazione dei suoi gas) o chimiche (reazione dei suoi gas, per esempio l’ossigeno per la combustione). 

Per tutte queste ragioni è importante sostituire mezzi, auto, vestiti meno spesso possibile, proprio per ridurre la portata dello zaino ed essere in grado di entrare nell'ottica preziosa del ri-uso consapevole.

 

L'acquisto semplice e vicino e gli investimenti consapevoli 

Sobrietà e semplicità significano qualità e bellezza. Usiamo pile ed elettricità quando davvero serve. Optiamo per la sostanza, non per la fragilità delle cose superflue. E stiamo nella realtà locale e dentro le stagioni. I danni ambientali dovuti ai trasporti sono alti, per non parlare della qualità del cibo che arriva a destinazione. Comprare a km 0 è anche un modo per rafforzare l'economia locale. Meglio comprare alimenti freschi, di stagione, nostrani, prodotti con metodi biologici, senza conservanti né coloranti. 

Vuoi investire? Ti suggeriamo due campi: finanza etica e impianti che consumano meno energia. In Italia è possibile investire nelle MAG (Mutua Auto Gestione) e nella Banca Etica. Investendo poi nell'efficienza energetica puoi dimezzare i consumi e i danni derivati dall'uso di energie fossili, come carbone e petrolio. 

 

Leggi anche 31 ottobre, Giornata Mondiale del Risparmio >>

 

 


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: