Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

PENSARE ALLA CADUTA DEI CAPELLI IN TERMINI DI CICLO

Capelli, peli e unghie: indicatori di benessere. Non hanno funzione vitale per l'organismo umano ma rivelano molto circa la nostra vitalità. Quanto incidono le variazioni climatiche e lo stress sulla caduta dei capelli? Perché ci spaventiamo subito di fronte a una caduta che fa parte di una fase di un ciclo che include le stagioni e l'essere umano nella sua interezza?

L'autunno arriva e si osserva un'effettiva caduta dei capelli, ne rimangono di più sul cuscino o sulla spazzola. Allora ci si inizia a fare delle domande, si punta il dito contro fattori genetici, si indaga su presunte anemie, ci si appella allo stress e si dimentica qualcosa di fondamentale: il concetto di "ciclo".

La cicilicità è qualcosa che non deve spaventarci, anche perché, più si entra in uno stato di ansia per la caduta dei capelli, più si alimenta un circolo vizioso di paura e panico.

Occorre invece tornare a pensare in termini di ciclo. Lo seguono le stagioni, gli esseri umani, gli animali, gli eventi. Al capello tocca la stessa sorte. Capiamo meglio secondo quale modalità un capello "decide" di lasciarsi andare al vento.

 

L'autunno e la caduta dei capelli

I bulbi capillari del biblico Sansone e la chioma di Berenice forse non avranno dovuto affrontare lo stress da rientro, ma di certo, avranno dovuto assecondare il ritmo delle stagioni e quell del loro ciclo di vita interno. 

Sì, perché il capello umano ha una vita che dipende dall'attività del follicolo pilifero, attività che si divide di solito in tre fasi: 

  • Anagen, in cui il capello nasce e continua a crescere. Per le donne va dai 2-7 anni, per gli uomini dai 2 ai 4.
  • Catagen, in cui il follicolo si prepara al distacco del capello, restringendosi fino a 1/3 del proprio normale diametro. La durata di questo passaggio è di circa 3 settimane
  • Telogen, in cui il capello si stacca dal follicolo lasciando spazio per lo sviluppo del nuovo capello, che inizia a "germogliare": ricomincia quindi la fase anagen. La terza ed ultima fase si conclude in 3-4 mesi

 

Scopri 5 rimedi dalla natura contro la caduta dei capelli

 

Il ciclo si ripete e normalmente perdiamo un centinaio di capelli al giorno. tradizionalmente l'autunno è il periodo in cui questa caduta dei capelli si amplifica e si osservano più capelli sul cuscino.

Nella dinamica del follicolo capillare subentrano diversi fattori interni (ormonali), sia esterni, come il clima: la secrezione della melatonina infatti influisce sull'attività del follicolo, regolata dal ritmo luce-buio. C'è poi un ulteriore fattore legato al rientro dalle ferie, alla fine del riposo estivo, tutte componenti che richiedono una nuova sincronizzazione dei tempi che scandiscono la giornata.

Quel che vogliamo precisare è che osservare una maggiore caduta dei capelli in autunno è del tutto normale, non ci si deve spaventare,né lasciare entrare nel cuore quel convitato di pietra che è lo stress: si tratta di una manifestazione fisiologica, reversibil, per certi versi, indispensabile.

 

Stress e altre cause della caduta dei capelli 

Insieme all'autunno, responsabile non passibile di accuse, esistono altre cause di natura diversa che contribuiscono alla caduta dei capelli e che vanno riconosciute e curate o corrette anche con il ricorso a rimedi naturali come quelli omeopatici

Ad esempio, alcune malattie debiltanti comportano una temporanea caduta dei capelli: nel post parto la donna può osservare lo stesso problema e anche la menopausa può comportare alterazioni dei capelli. Anemia e carenze di ferro possono debilitare molto la salute del capello e lo stesso vale per diete sbilanciate o troppo drastiche che finiscono con l'indebolire tutto il corpo; importante è quindi una dieta corretta che preveda anche alimenti che preservano la salute dei capelli.

Nemico acerrimo dei capelli è lo stress, specie se prolungato. Lo stress genera condizioni di squilibrio psicosomatico che ricadono direttamente sul nuovo capello che si sta formando: il capello cresce, ma indebolito, più sottile. Ne deriva così che il numero dei follicoli rimane alterato, ma la massa totale risulta diminuita. 

È importante volersi bene e ricordare che ogni istante che viviamo, lo viviamo con tutte le nostre parti del corpo, capelli compresi, proprio come canticchiava Niccolò Fabi qualche anno fa (nel video di seguito)... 

 

Integratori di rame e zinco per i capelli: quando usarli?

 

Per approfondire:

> Alopecia, i sintomi e le cure naturali

 

Immagine | Mike Baird

 

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: