Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

OMEOPATIA E DISTURBI

Artrite e omeopatia

A cura del Dott. Francesco Candeloro


L'artrite è una infiammazione acuta a carico delle articolazioni. Accompagnata da sintomi quali tumefazione, dolore e rossore, può dipendere sia da traumi che da processi degenerativi. Scopriamola meglio. 

 

Differenza tra una mano normale e una affetta da artrite reumatoide

Artrite reumatoide

 

Cause e sintomi dell'artrite

Per artrite si intende l’infiammazione acuta di una o più articolazioni, conseguente a traumatismi locali oppure a processi cronico-degenerativi che progrediscono, per l’appunto, attraverso fasi di accentuazione dei disturbi.

La patologia che più frequentemente si accompagna ad un’infiammazione acuta delle articolazioni è l’artrosi, caratterizzata da un processo cronico-degenerativo della cartilagine articolare, che si accompagna a sua ricostituzione alterata la quale, nel tempo, e in alcuni settori, provoca deformazioni dell’aspetto delle articolazioni - (noduli di Heberden delle articolazioni della mano) - così come progressiva inefficienza della parte che richiede, nei casi più gravi,  l’intervento di sostituzione protesica della stessa (anca e ginocchio le più comuni).

Processi infiammatori cronici delle articolazioni si verificano anche in numerose patologie dei tessuti connettivi, come ad esempio il Lupus Eritematoso Sistemico e l’Artrite Reumatoide che, caratteristicamente, si associano alla presenza nel sangue di marcatori specifici, rendendo possibile la distinzione tra artriti sieropositive (al Fattore Reumatoide) e negative (in cui cioè questo fattore è assente).

I sintomi principali che si accompagnano ad un processo infiammatorio acuto delle grandi o piccole articolazioni sono la tumefazione, il dolore, il rossore e il calore al termo-tatto e, a gradi diversi, l’impotenza funzionale.

A precipitare queste manifestazioni sono spesso carichi eccessivi o prolungati delle articolazioni interessate, così come brusche variazioni del tempo e della temperatura.

Tipicamente, nelle forme di riacutizzazione dei processi artrosici, si assiste alla comparsa di rigidità articolare e di dolore, più intensi dopo il riposo, e migliorati dal movimento continuato della parte.

La medicina tradizionale, nelle fasi di riacutizzazione di questi disturbi, utilizza terapie antidolorifiche e antinfiammatorie progressivamente più importanti a seconda del grado di dolore e di limitazione funzionale, che comportano l’utilizzo per lo più di Paracetamolo, Fans del tipo dell’Aspirina e Cortisonici, i quali però, nel tempo, e indistintamente - soprattutto perché usati con sempre maggior frequenza da chi soffre di questi disturbi - sono gravati da importanti effetti secondari, che ne rendono complicato il loro utilizzo prolungato.

 

Scopri anche tutti i rimedi fitoterapici per l'artrite

Rimedi fitoterapici artrite

 

I rimedi omeopatici per l'artrite

L’omeopatia ha molti rimedi in grado di attenuare i sintomi in corso di riacutizzazione dei disturbi. Ancora una volta i rimedi si differenzieranno per alcune peculiarità, che permettono di individualizzare il disturbo, sia rispetto alla sua presentazione abituale, sia in relazione all’evento scatenante.

E così di Apis ricordiamo, come caratteristiche distintive, i dolori pungenti, migliorati dalle applicazioni fredde e l’insorgenza dei gonfiori in maniera improvvisa e subitanea; in Bryonia, invece, la tumefazione, legata a versamento articolare, si verifica molto più lentamente, e il dolore si attenua con la pressione e l’immobilità della parte; in Pulsatilla abbiamo invece artralgie che si spostano rapidamente da un distretto articolare ad un altro, mentre Rhus tox e Arnica sono rimedi utili per dolori che insorgono dopo sforzi protratti oppure, specialmente il secondo, dopo traumi locali: Rhus tox si caratterizza per il fatto che i dolori migliorano sempre con il movimento continuato della parte, Arnica, invece, per la caratteristica sensazione di contusione e percossa della zona, che rende difficile il riposo notturno, portando la persona a muoversi di continuo, in cerca di una posizione che dia sollievo ai sintomi.

Esistono poi rimedi specifici per determinati distretti corporei, come Ruta, che cura le artralgie di gomiti e caviglie anche provocate, le ultime, da traumi distorsivi, oppure Ledum che cura i disturbi a carico delle articolazioni di mani e piedi, che appaiono freddi al termo-tatto e ipersensibili al minimo contatto della parte (utile nel caso di attacchi di gotta).

Infine è bene citare Causticum, perché questi dolori articolari molto spesso si accentuano con il tempo umido, che invece, nel caso di questo rimedio, appare migliorarli.

Ricordiamo, infine, che, per modificare e prevenire gli aggravamenti di malattie come l’artrosi e le connettiviti, l’omeopatia utilizza rimedi cosiddetti di terreno, prescritti al termine di una visita estesa, in cui è possibile riconoscere e curare, unitamente alla malattia di base, altri aspetti dell’organismo che la sostengono, e ne provocano il suo perdurare e il suo peggioramento.

 

LEGGI ANCHE
L'artrite si associa spesso ai reumatismi: scopri come curarli!

 

Altri articoli sull'artrite:
>  Le connessioni tra artrite e pranoterapia

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy