Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20605
Arti marziali

L’arte marziale si configura come una fusione di ricerca della sensazione unita alla precisione della tecnica e al progressivo avvicinamento nel lungo percorso della conoscenza di se stessi. A questo si aggiunge l'importanza del confronto, inteso come confronto con se stessi, con l'altro, che non è solo il maestro, ma è anche l'avversario, che si tratti di una paura personale, di un'ombra della mente o di un'altra persona fisica. Il mondo delle arti marziali è vastissimo, ma si usa dividere le arti marziali esterne, più orientate verso il combattimento, dalle arti marziali interne, mirate al lavoro energetico.

GUIDE Consigliate di Arti marziali

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Arti marziali

Articoli più recenti

Brazilian Jiu Jitsu è il nome col quale è maggiormente noto a livello internazionale ciò che in italiano chiamiamo Jiu-Jitsu Brasiliano. Questa arte marziale, oggi una delle più praticate in tutto il mondo grazie alla sua efficacia, deriva dal Ju-Jitsu classico, come il Judo e l’Aikido, ed ha sia un aspetto marziale di autodifesa che uno sportivo di competizione. In entrambi gli aspetti troviamo un sistema di progressione di cinture per stabilite il grado del... »

Di Giacomo Colomba

Arte marziale non significa soltanto calci e pugni. Specialmente nelle arti marziali più tradizionali che non contemplano l’aspetto della competizione sportiva, lo studio dell’uso delle armi è ancora in voga, ed i benefici di questa pratica sono tanti e lampanti. Anche se non andremo mai ad utilizzarle in un contesto reale, lo studio dell’uso delle armi nelle arte marziali accresce l’insieme delle nostre abilità, donandoci padronanza su particolari... »

Di Giacomo Colomba

Una delle attività fisiche emergenti più rispettabili per quanto riguarda i suoi molteplici benefici fisici e la sua semplicità è il Piloxing.  Si tratta di una vera e propria fusione tra diversi stili di arti marziali e di danza. Difesa ed eleganza si uniscono attraverso la musica con una naturale semplicità. È un attività fisica dove i movimenti vengono svolti con fluidità. Ogni parte del corpo è portata a sincronizzarsi co... »

Di Luca Basto

La filosfia dell'aikido L’aikido è un’arte marziale atipica, forse una delle meno marziali in assoluto visto che dichiara come scopo l’unità umana. E’ risaputo che, nonostante il suo fondatore Morihei Ueshiba fosse un grandissimo esperto di varie arti marziali e un vero e proprio guerriero, l’aikido si fonda su una filosofia pacifica, basata sul conoscimento di sé e sull’autocontrollo. Infatti il maestro Ueshiba era anche un iniziato e ... »

Di Giacomo Colomba

Storia In Occiente il termine kung fu è usato in riferimento a uno specifico numero ristretto di arti marziali cinesi, ma in realtà in Cina col termine kung fu si intende qualcoasa di diverso, tutte le discipline che tendono all’aquisizione di una specifica abilità. Il termine cinese per arti marziali in senso stretto è wushu, ovvero arte della guerra. Parliamo quindi di termini generici che racchiudono al suo interno un’infinità di scuole differ... »

Di Giacomo Colomba

Riassumendo il parere di molti maestri marziali possiamo sostenere che per combattere tre aspetti sono fondamentali. Il primo è padroneggiare la tecnica: senza tencnica non c’è efficacia, c’è sperpero di energia e incapacità di utilizzare a proprio favore i vari eventuali vantaggi. Il secondo è padroneggiare la mente: se le emozioni come la paura o la rabbia ci sopraffanno, non saremo in grado di applicare le tecniche, non vedremo i punti de... »

Di Giacomo Colomba

Tutte le arti marziali in generale sono unanimamente considerate sport e discipline ideali per formare il carattere ed apprendere disciplina e rispetto. Ciò è indubbiamente legato ad un codice etico presente costantemente, anche se sotto varie forme, nelle arti marziali di tutto il mondo. Queste regole di base e questo buon costume sono uno degli assi portanti delle arti marziali, tanto quanto il lavoro sulla forma fisica e sulla tecnica: senza disciplina, niente di solido e dur... »

Di Giacomo Colomba

La comprovata efficacia delle arti marziali lottatorie che includono le sottomissioni, soprattutto il brazilian jiu jitsu, è ormai un dato di fatto comunemente accettato nel mondo delle arti marziali sportive e di quelle focalizzate sulla difesa personale. E’ proprio verso questo genere di arti marziali che l’utenza femminile tende ad orientarsi sempre di più e il motivo è presto detto: queste arti marziali si basano su un assunto di base fondamentale, ovvero ... »

Di Giacomo Colomba

Storia La storia dello stile dell’ubriaco è assai complessa ed antica, troviamo infatti in essa radici che si congiungono all’alchimia taoista, al buddhismo e al tantrismo, questi ultimi due mischiati a loro volta con lo sciamanesimo per formare il lamaismo tibetano. Non esiste un solo stile dell’ubriaco bensì numerosi sottostili, generalmente denominati zi quan, ovvero pugno ubriaco. In questo stile di kung fu reso famoso in Occidente da Jackie Chan, l’a... »

Di Giacomo Colomba

Storia E’ proprio il capitolo riguardante la storia, del kalaripayattu in specifico ma anche delle arti marziali tout court, a rendere questa arte marziale estremamente interessante, e il perchè è presto detto. Infatti il kalaripayattu, che tradotto in italiano significa “pratica delle arti da campo di battaglia”, risulterebbe essere la più antica forma di arte marziale conosciuta, e diretta genitrice dei kung fu cinese da un lato quanto delle temibili ... »

Di Giacomo Colomba

Per risolvere l’annoso contrasto tra arti marziali interne e arti marziali esterne, questione che aleggia nell’aria dell’ambiente delle arti marziali ed è onnipresente sui siti tematici su internet e che non sembra mettere d’accordo nessuno, abbiamo contattato un esperto in materia, il Maestro Francesco Collesano. Francesco è da considerare una rara eccezione: in genere i praticanti di arti marziali esterne considerano le arti interne inefficaci nella rea... »

Intervista a Francesco Collesano

Silat e boxe filippina: storia Sin da epoca antica, tutti i territori che compongono l’Indocina hanno sempre avuto movimenti e scorribande di pirati, bucanieri, colonizzatori, invasori. A questo scopo ebbe vita un interessante processo che prese il meglio degli stili di combattimento tribali, nati nei villaggi, li codificò e li offrì agli eserciti degli eserciti locali in difesa delle proprie terre. Col nome silat, ad esempio, si intende tutto un vasto sistema di stili di ... »

Di Giacomo Colomba

Savate: storia Savate era l’antico nome che i bucanieri francesi usavano per le vecchie scarpe da lavoro, parola legata anche allo spagnolo “zapata”. Lo stile di combattimento conosciuto come savate era in voga già a fine '800 nei quartieri poco raccomadabili di Parigi e nei porti del nord della Francia. Era una forma di autodifesa da strada che comprendeva colpi di boxe, movimenti veloci ispirati alla scherma, uso del bastone da passeggio, calci esclusivamente d... »

Di Giacomo Colomba

Le arti marziali miste, le Mixed Martial Arts (MMA)  sono un fenomeno sportivo senza precedenti in termini di crescita. Crescita mediatica e crescita come numero di praticanti. Nonostante questo, in Italia i media sembrano ignorare questo movimento culturale se non quando c’è da criticare, spesso oltremisura, distaccandosi spesso dalla realtà e basandosi su una percezione distorta di quanto avviene nell’ottagono. Vogliamo affrontare il tema dello ... »

Intervista a Filippo Stabile

Ogni tanto emergono quasi dal niente degli artisti marziali che attirano l’attenzione e stimolano l’entusiasmo degli appassionati. Subito nascono schiere di sostenitori e detrattori, subito circolano voci di corridoio che si ingigantiscono in un attimo. Da qui nasce la necessità di contattare direttamente il Maestro DK Yoo, che con i suoi video si è posto al centro dell’attenzione internazionale grazie alla sua efficacia e al suo controllo del corpo che si esp... »

Intervista a DK Yoo

1 di 6

Scarica flash player