Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

NUTRACEUTICA

Aminoacidi vegetali

A cura di Veronica Pacella, Nutrizionista

 

Gli aminoacidi sono piccole molecole che compongono le proteine, macromolecole presenti nelle cellule degli esseri viventi. In totale sono 24 e possono essere di origine animale o vegetale. Scopriamoli meglio.

>  A cosa servono gli aminoacidi vegetali

>  Dove si trovano

>  Controindicazioni degli aminoacidi vegetali

 

Legumi, ricchi di lisinaLegumi, ricchi di lisina

 

Il corpo umano ha la capacità di sintetizzare la maggior parte degli aminoacidi tranne alcuni, definiti “essenziali”, poiché è necessario introdurli con l’alimentazione. Gli aminoacidi essenziali sono: fenilalanina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, triptofano, treonina, valina e istidina. Quest’ultimo è considerato essenziale da alcuni autori e non essenziale da altri, si ritiene comunque che sia importante soprattutto durante la fase della crescita. 

 

A cosa servono gli amminoacidi vegetali

Gli amminoacidi sono i “mattoni” che compongono le proteine. Le proteine servono a costruire capelli, muscoli, unghie, tendini, legamenti e altre strutture.

I singoli amminoacidi possono essere usati per fare ormoni, neurotrasmettitori, acidi nucleici del DNA e altre sostanze.

Gli amminoacidi vegetali, presenti nelle proteine vegetali, vengono considerati di qualità inferiore rispetto alle proteine animali perché non contengono tutti gli amminoacidi essenziali. Ad esempio, i legumi sono carenti di metionina mentre i cereali sono carenti di triptofano e lisina. Abbinando però nello stesso pasto cereali e legumi si può facilmente evitare la carenza poiché la loro composizione in amminoacidi risulta complementare.

 

Puoi approfondire i benefici e le proprietà dei cereali

Proteine vegetali dei cereali

 

Dove si trovano gli amminoacidi vegetali

Gli amminoacidi vegetali si trovano nelle proteine di origine vegetale: cereali, seitan, legumi (fagioli, ceci, lenticchie, fave, piselli), soia e derivati (tofu, tempeh, miso, tamari shoyu), frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pinoli), semi (sesamo, canapa, chia), alghe (spirulina) e in piccole quantità anche frutta e verdura.

 

Controindicazioni

Gli amminoacidi introdotti in grande quantità con l’alimentazione non vengono utilizzati dal corpo umano, che non ne assorbe più di quanto riesce ad utilizzarne. Un eccesso però porta ad un sovraccarico di lavoro reni e fegato, gli organi deputati all’eliminazione delle scorie.

 

LEGGI ANCHE
Le proprietà e i benefici dei semi di canapa, fonte di aminoacidi essenziali

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy