Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

FARE SPORT IN GRAVIDANZA

Si può fare sport in gravidanza? Quali sono gli sport più indicati nei nove mesi di gestazione? Quali, invece, sono controindicati? Quali precauzioni prendere?

Sport in gravidanza? Sì, ma con le giuste accortezze e le attività adeguate al proprio stato.

Vediamo quale sport praticare durante il periodo della gravidanza, quale è sconsigliato e quando non è proprio il caso di praticare un'attività fisica.


Si può fare sport in gravidanza?

Dipende da diversi fattori. Prima di tutto bisogna distinguere tra le donne che facevano abitualmente sport prima della gravidanza e quelle con uno stile di vita sedentario; nel primo caso, se l’andamento della gravidanza lo consente, è possibile continuare a fare sport, pur facendo attenzione ai ritmi, che non devono essere troppo sostenuti, e al tipo di sport, che non deve presentare situazioni ed esercizi potenzialmente rischiosi.

Per le donne che prima della gravidanza non erano abituate a fare sport, i nove mesi di gestazione non sono il periodo migliore per cominciare; nulla vieta, però, sempre se le condizioni di salute lo consentono, di scegliere uno stile di vita attivo che preveda tante passeggiate, e magari un corso di yoga o di ginnastica dolce, ovviamente adeguatamente seguite e controllate.

Il secondo importantissimo fattore da tenere in considerazione è l’andamento della gravidanza. Ci sono situazioni in cui una moderata attività sportiva può aiutare molto, soprattutto se sono presenti pressione alta o diabete.

Ci sono, però, situazioni in cui lo sport è controindicato: minaccia d’aborto, presenza di contrazioni uterine, placenta previa e ritardo di crescita fetale. 

Prima di decidere di praticare uno sport in gravidanza è dunque fondamentale chiedere il parere del proprio medico curante.

 

Come gestire la pressione durante la gravidanza

 

Che tipo di sport si può fare in gravidanza?

Anche relativamente al tipo di sport da praticare in gravidanza, non c’è un’unica risposta per tutte; molto dipende dal tipo di attività sportiva che si praticava prima di restare incinta. Per esempio, una ballerina, se non ci sono controindicazioni, potrà continuare a danzare perché ha i muscoli allenati e sa come muoversi per evitare i rischi; una donna che non ha mai ballato dovrà preferibilmente astenersi dall’iscriversi a un corso di danza proprio nei nove mesi.

Esistono, però, sport che sono più indicati in gravidanza e altri che sarebbero da evitare completamente.

 

Sport controindicati in gravidanza

Tutti gli sport da contatto (per esempio arti marziali); tutti gli sport che prevedono salti e quelli molto impegnativi dal punto di vista fisico (per esempio equitazione e sci); tutte le attività di tipo agonistico.

 

Sono sport particolarmente indicati in gravidanza

Ginnastica dolce, acquagym, pilates, nuoto. 

 

Pupi approfondire quali sono gli esercizi giusti da fare in gravidanza

 

Le regole da seguire per fare sport in gravidanza

  • La prima regola l’abbiamo già indicata: prima di praticare sport in gravidanza, chiedere il parere del proprio medico.
  • Attenzione ai segnali del corpo. Se durante l’esercizio fisico si manifestano dolori addominali bisogna fermarsi immediatamente. Altri segnali a cui fare attenzione sono frequenza cardiaca eccessiva (idealmente non bisognerebbe superare i 130-150 battiti al minuto) e affanno.
  • Costanza e ritmo. Se si decide di fare sport in gravidanza bisognerebbe essere costanti e seguire un ritmo tranquillo.
  • Idratazione e dieta. Prima, durante e dopo l’esercizio fisico è importante idratarsi adeguatamente; è, inoltre, fondamentale seguire un’alimentazione corretta e consumare, prima dell’allenamento, cibi facilmente digeribili e ricchi di zuccheri d’immediato utilizzo, per evitare i cali di glicemia.
  • Igiene. Se durante la gravidanza si frequenta una piscina, è ancora più importante mettere in pratica tutte quelle norme igieniche che aiutano a proteggersi dalle micosi: indossare sempre le ciabatte; togliersi immediatamente il costume bagnato, una volta uscite dalla piscina; utilizzare detergenti che ostacolano la proliferazione degli agenti micotici.
  • Evitare il fai da te. In gravidanza lo sport andrebbe praticato sempre con la guida di un istruttore che verifichi l’esatta esecuzione dei movimenti.

 

Scopri come vivere la gravidanza in maniera naturale

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: