Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

PALLINE VAGINALI, ALLEATE NUMERO 1 DEL PAVIMENTO PELVICO

Queste sfere permettono ai muscoli di contrarsi spontaneamente tonificando il pavimento pelvico. Ma come sceglierle per trarne maggiori benefici? Per ogni donna, la soluzione ad hoc.

A cura di MySecretCase

 

Le palline vaginali (note anche come sfere vaginali, geisha balls, ben wa balls, Kegel balls e palline cinesi) sono delle sfere da inserire in vagina per far contrarre spontaneamente i muscoli pelvici.

Nate in Giappone come strumenti di piacere, sono oggi uno dei principali accessori da utilizzare per tonificare il pavimento pelvico. Ma come si utilizzano e come scegliere le palline vaginali più adatte al proprio perineo? Ecco una miniguida sulle alleate n°1 del pavimento pelvico.

 

Perché usare le palline vaginali?

Dai trent'anni in poi il pavimento pelvico, l'insieme di muscoli pelvici che riveste la funzione di sostegno per gli organi interni e per i genitali, tende fisiologicamente a indebolirsi e a perdere tono.

Il processo di “invecchiamento” è accelerato da gravidanze e parti, nonché da uno stile di vita sedentario e da una postura scorretta. Il perineo allenta la sua tenuta e la sua capacità di contrazione e possono presentarsi disagi come incontinenza urinaria, fastidio o dolore durante i rapporti sessuali e difficoltà a raggiungere l'orgasmo.

Sintomi che tendono a peggiorare con l'arrivo della menopausa. Le palline vaginali sono strumenti semplici da usare e adatti a donne di tutte le età, in grado di prevenire o di risolvere la perdita di tonicità del perineo.

Inserite in vagina, provocano la spontanea contrazione dei muscoli pelvici, che avvertono un peso in movimento che tende a scendere e che sono spinti a trattenere. Contrazione dopo contrazione, i muscoli riacquistano tono e imparano nuovamente a contrarsi e a rilassarsi.

 

Leggi anche Ginnastica pelvica per curare la dispareunia >>

 

Come scegliere le palline vaginali

Insomma, di palline vaginali ne esistono moltissime e anche piuttosto diverse tra loro. Come orientarsi nella scelta delle sfere vaginali più adatte al proprio perineo?

La prima indicazione da tenere a mente è che più un pavimento pelvico è tonico, più sarà capace di trattenere sfere piccole e pesanti. Se siete giovani, in buone condizioni fisiche e non avete mai partorito, la scelta migliore per voi potrebbe essere un set di palline vaginali che, dopo un breve “training” iniziale, vi permetta di usare i pesi maggiori per tenere in forma i vostri muscoli vaginali. Un esempio: le amatissime Luna Beads di Lelo.

Se invece il vostro pavimento pelvico è indebolito da un recente parto o dall'arrivo della menopausa, potreste iniziare utilizzando una singola pallina vaginale, più grande e leggera. Quando i vostri muscoli pelvici avranno imparato a trattenerlo, potrete passare a un peso leggermente superiore e a una dimensione minore. Ideali i tris di palline vaginali come Ami di Je Joue, che vi potranno accompagnare lungo tutto il vostro percorso di allenamento. E per le donne hi-tech di tutte le età esistono anche palline vaginali da usare con app!

 

Come si usano le palline vaginali

Abbiamo visto che i muscoli pelvici rispondono alla presenza di un peso con la contrazione. Ma come usare nel modo corretto e più efficace le palline vaginali?

Una volta individuato il tipo di geisha balls più adatto, non resta che indossarle, lubrificandole leggermente con un lubrificante a base acqua, e dare inizio all'allenamento.

Per avere risultati apprezzabili è sufficiente fare passeggiate o tenersi in movimento (anche le faccende domestiche valgono!) mentre le si indossa, iniziando con pochi minuti per poi arrivare a 20/30 minuti, almeno 2/3 volte alla settimana, con costanza.

Non è necessario strafare: questa frequenza permette di allenare i muscoli senza “stressarli”, ottenendo i primi risultati apprezzabili già dopo il primo mese. Ovviamente, più il pavimento pelvico necessita di riabilitazione, più pazienza e costanza saranno richieste nell'uso delle geisha balls.

Ma i risultati sono sempre assicurati. Molto utile è poi combinare l'utilizzo delle palline vaginali con gli esercizi di Kegel e la ginnastica pelvica. Via via che acquisirete consapevolezza e controllo dei vostri muscoli pelvici, potrete cercare di spingere verso l'esterno e risollevare le sfere vaginali, eseguendo i classici esercizi di allenamento pelvico.

 

Leggi anche Ginnastica pelvica pre e post gravidanza >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: