Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

MAL DI SCHIENA? PROVA IL PILATES

Sapevate che i muscoli paravertebrali per Joseph Pilates erano contemplati come parte integrante del core addominale? E come si aiuta e potenzia la schiena a partire dall'allenamento previsto in questa disciplina? Scopriamolo insieme.

Pilates e mal di schiena. Prima di avvicinarsi a qualsiasi disciplina motoria occorre comprendere che non si può lavorare direttamente sul dolore.

Se c'è dolore non dovete in nessun modo forzare, intensificare o allungare oltre il limite. Quel dolore che si manifesta può dipendere da moltissimi fattori e va rintracciato quello scatenante, non si possono unicamente gestire i sintomi con antidolorifici.

Il movimento è cura e lo sapeva bene Joseph Pilates che lavorava con gli allettati. Vediamo in che modo il Pilates aiuta in caso di mal di schiena

 

Il Pilates e il mal di schiena 

Joseph Pilates, nel modellare il suo metodo, aveva strutturato esercizi con una specifica propedeutica, tutta improntata anche al potenziamento dell'addome (il core), come sappiamo.

Aveva lavorato in questo senso perché, in condizioni successive agli eventi bellici, molti soldati si ritrovavno fisicamente ed emotivamente provati dalla guerra: alcuni con amputazioni, arti fantasma, altri che avevano subito lunghi momenti di malnutrizione che andavano comunque a incidere molto sullo stato generale di salute dei muscoli.

A livello emotivo, poi, la respirazione era compromessa. 

Con esercizi propedeutici si intende una serie di movimenti utili ad arrivare all'esercizio modellabili, nell'esecuzione, sulle esigenze del singolo.
Non si possono far fare esercizi monostrutturati: questo Pilates lo aveva capito.

Una volta giunto a New York insieme alla moglie, Joseph Pilates inizia ad applicare il metodo alle esigenze dei ballerini: il range dei movimenti dei corpi su cui sperimentare i gesti motori varia dunque completamente ma l'esperienza durante e dopo il periodo bellico, unita alle sue conoscenze pregresse di atleta, gli permette di creare un metodo differenziato, elastico, modellabile ed efficace.

Il metodo Pilates può essere molt o utile dunque in caso di mal di schiena, magari dovuto proprio a sedentarietà. Se invece si tratta di mal di schiena dovuto a ernie importanti occorre prima una visita specialistica e bisogna sempre informare il proprio istruttore sulla situazione della propria colonna vertebrale, in quanto la salute del sistema nervoso dipende da quella delle vertebre in larga parte.

 

Leggi anche Come lavora un insegnante di Pilates >>

 

Mal di schiena: potenziare l'addome in modo corretto 

Molte persone si convincono che il Pilates sia una panacea per quanto riguarda il grasso addominale in eccesso e che sia un metodo per perdere peso. Sbagliato.

Il Pilates lavora su tutto il corpo e consente di riprendere una fluidità di movimento a tanti livelli e pensare di lavorare sul grasso localizzato è conseguenza di un falso mito.
Certo, si possono accentuare lavori fisici su una zona piuttosto che non su un'altra ma va tenuto presente che un buon rendimento si trae sempre da un lavoro complessivo, che tenga conto di tutti i distretti muscolari.

Ci teniamo a specificare che le ragioni per cui si sviluppa un addome pesante sono emotive, alimentari e sicuramente aggravate dalla sedentarietà. Il metodo, con le sue posizioni statiche che bengono cambiate con accurata letezza e gradualità, favorisce il miglioramento coordinativo. In molte posizioni, se l'addome è debole, occorre prima fare un lavoro importante di dimagrimento e poi fortificazione.

Alleggerirsi significa non gravare sulle articolazioni e in special modo sulle vertebre.

Ovvio che il Pilates, anche se eseguito con regolarità non può migliorare in modo radicale l'insieme dei circuitiriflessi anti-gravitari attivati nella posizione eretta e mantenuti come abitudini spesso malsane.

Sicuramente occorre evitare le posizioni del Pilates che creano un carico enorme a livello delle vertebre, specie in chi ha già un problema di sofferenza di queste strutture a monte. Mai eseguire una lezione collettiva di Pilates pensando di voler gareggiare o competere; il rischio di farsi male soprattutto alla schiena si quadruplica e potrebbero esserci risultati davvero sconvenienti.

Se ben eseguiti, gli esercizi di Pilates va a rinforzare e tonificare i muscoli, anche quelli intorno alla colonna, con risultati sorprendenti dal punto di vista strutturale e con maggiore sicurezza poi nella postura e nel movimento.

 

Approfondisci 3 esercizi per alleviare il mal di schiena >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: