Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

BAMBINO NATURALE

Allattamento materno: falsi miti e verità

Il latte materno è l’alimento ideale per il bambino; tutte le linee guida nazionali e internazionali in materia di nutrizione infantile consigliano l’allattamento esclusivo per i primi 6 mesi e di continuare a offrire il latte materno anche oltre il secondo anno d’età, se mamma e figlio lo desiderano. Sull’allattamento ogni nonna, mamma o zia sente di poter dire la propria e così nascono tanti falsi miti, vediamo di sfatarne qualcuno tra i più noti e di sottolineare alcune sacrosante verità. 

Allattamento: falsi miti e verità

 

Falsi miti sull’allattamento materno

Allattare fa ingrassare. Allattare richiede un dispendio energetico di circa 350/500 calorie al giorno in più rispetto al normale. È dunque vero esattamente il contrario: allattare al seno aiuta la neomamma a tornare in forma più velocemente dopo il parto.

Bere birra fa aumentare la produzione di latte. Non solo non è vero, è anche dannoso. Le donne che allattano al seno, infatti, dovrebbero astenersi dal bere alcolici in quanto l’alcol può nuocere alla salute del bambino. Uno strappo alla regola ogni tanto è concesso, soprattutto quando il bimbo è grandicello, ma solo per bere due dita di birra o di vino, in rare occasioni.

Se la mamma fa sport, il latte inacidisce. L’attività fisica non rende il latte acido. Un costante e regolare esercizio fisico non ha mai fatto male a nessuno e, anzi, ne sono noti i benefici. Se la neomamma vuole andare il palestra, che lo faccia pure; salute e umore ne gioveranno, senza nulla togliere alla produzione e al sapore del latte.

Le mamme che allattano devono bere molto per aumentare la produzione. Certamente è importante che la mamma mantenga una buona idratazione e che quindi beva a sufficienza. La produzione del latte, però, non dipende da ciò che si beve né da quello che si mangia. È la suzione a garantire che ci sia abbastanza latte per il fabbisogno del bambino.

La donna che allatta non può rimanere incinta. Rimanere incinta quando si allatta è più difficile, ma non impossibile.

Il latte materno è pesante; difficile da digerire. Il latte materno è l'alimento ideale per il neonato ed è adatto all’apparato digerente del piccolo. Inoltre, è più digeribile dei latti formulati.

L’allattamento prolungato non ha senso; infatti, con il passare del tempo, il latte materno perde le proprie caratteristiche nutritive e dopo l’anno non è più indicato. Il latte materno si adegua alle esigenze del bambino e cambia nel tempo, ma non per questo perde valore nutritivo per il bambino cui è destinato. Anzi, come già detto, le linee guida nazionali e internazionali consigliano di proseguire fino al compimento del secondo anno, e anche oltre.

Le mamme con una forte miopia non possono allattare. Le controindicazioni all'allattamento al seno sono pochissime e tra queste non compare la forte miopia. È vero che durante l’allattamento può verificarsi un peggioramento della vista, ma solitamente si tratta di un problema transitorio. In caso di dubbi su questo punto, rivolgersi al proprio oculista.

 

Puoi approfondire tutti i rimedi naturali per favorire l'allattamento

Rimedi naturali per favorire l'allattamento

 

Verità sull’allattamento materno

Per far aumentare la produzione di latte bisogna attaccare spesso il neonato al seno. La suzione frequente e il corretto attaccamento del neonato al seno favoriscono una produzione adeguata alle esigenze del bambino.

Se il bambino non si attacca bene, possono venire le ragadi al seno. È importante attaccare correttamente il bambino al seno per proteggersi da problemi quali scarsa produzioni e ragadi al seno. In caso di problemi, rivolgersi a un’ostetrica.

La mamma che allatta non deve fumare. La mamma fumatrice deve smettere sia in gravidanza, sia durante l’allattamento, perché questa sua abitudine può nuocere gravemente alla salute del bambino. Indipendentemente dall’allattamento, non bisognerebbe mai fumare vicino a un neonato, né a bambini più grandi. È, inoltre, buona norma per la mamma che allatta, non bere alcolici e non abusare di caffè e altre bevande contenenti caffeina.

Il bambino allattato al seno non ha bisogno di altro fino a sei mesi. Il latte materno soddisfa tutti i bisogno nutritivi del bambino, fino a 6 mesi, età in cui le linee guida nazionali e internazionali in materia di nutrizione infantile consigliano di introdurre altri alimenti, senza smettere di allattare. I bambini allattati al seno, per i primi 6 mesi di vita, non hanno, quindi, bisogno di altro, neanche di tisane o acqua.

Allattare fa bene al bambino. Il latte materno rinforza il sistema immunitario e protegge contro le infezioni; i neonati allattati al seno sono infatti meno esposti a infezioni respiratorie, urinarie e gastrointestinali. Riduce il rischio di allergie; si associa a un rischio minore di obesità; rinforza il legame emotivo tra mamma e bambino.

Allattare fa bene anche alla mamma. Allattare al seno è un fattore protettivo contro il cancro al seno e all’ovaio; aiuta a tornare in forma dopo il parto; riduce il rischio cardiovascolare nelle donne dopo la menopausa.

 

LEGGI ANCHE
L'alimentazione giusta per favorire l'allattamento

 

Altri articoli sull'allattamento:

>  L'allattamento al seno protegge i bimbi dall'asma

>  Come superare le difficoltà dell'allattamento materno

>  L'allattamento naturale fa bene anche alla mamma

Allattamento, 3 semplici consigli per superare le prime difficoltà


Immagine | Good4u.co.uk

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy