Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

CAPIRE AL VOLO LA SCADENZA DI ALIMENTI BIO

Da consumarsi entro. Da consumarsi preferibilmente entro. Da consumarsi preferibilmente entro la fine. Ma perché ci sono tanti modi per indicare la scadenza di un prodotto bio? Dove sta la differenza tra le varie sigle e come dobbiamo interpretarle

Le 3 formule per la scadenza di un alimento bio

Insieme all'elenco degli ingredienti, il nome del prodotto, la quantità, il lotto di produzione, l'azienda produttrice, la modalità di conservazione e la presenza di eventuali sostanze allergizzanti, la scadenza di alimento bio o no, è un'informazione che deve essere tassativamente riportata sull'etichetta di un alimento bio o industriale. Prima di mettere il prodotto nel carrello, si deve assolutamente prestare attenzione a questa importante voce.

Per legge esistono 3 diverse modalità per indicare la scadenza di un alimento bio: "Da consumarsi entro", che viene usata per i prodotti più deperibili e indica il termine tassativo entro il quale il prodotto deve essere consumato; "Da consumarsi preferibilmente entro" oppure "Da consumarsi preferibilmente entro la fine." Queste ultime due sigle vengono usate per gli alimenti meno deperibili e stanno a indicare la data entro la quale il prodotto conserva al meglio le sue proprietà specifiche. 

 

Validità della scadenza di un alimento bio

La validità della scadenza di alimento bio viene immediatamente meno se il consumatore non rispetta le corrette modalità di conservazione del prodotto, che devono essere indicate in etichetta quando influiscono sulla conservabilità.

Facciamo un esempio a caso: prendiamo il tofu. Quando è aperto e consumato per metà, il tofu deve essere conservato in frigo, previa immersione in una ciotola colma di acqua da cambiare quotidianamente; in questo modo lo si potrà conservare per circa una settimana.

Nel caso vi sia la necessità di farlo durare più a lungo è meglio scolarlo e, dopo averlo messo in un sacchetto o in un contenitore adatto, fare uno spazietto in freezer. Non avere queste accortezze va a inficiare la validità della scadenza e il valore nutrizionale del prodotto: nel caso del tofu, si andrebbe a intaccare la natura stessa dell'alimento proteico-lipidico che di per sé è totalmente privo di colesterolo e ipocalorico.

 

Scopri di più sulle proprietà e i valori nutrizionali del tofu

 

Risorse utili on line sulla scadenza degli alimenti bio

Vi lasciamo con un po' di link utili per capire meglio quanto importante sia approfondire l'argomento dei termini di scadenza di un prodotto bio:

- Guidaconsumatore.com, ricco di tanti accorgimenti per conservare gli alimenti;
- Alimentazione-salute.it, sito gestito da Andrea Serra, giovane biologo nutrizionista specializzatosi in Scienze della Nutrizione Umana. QUi trovate informazioni utili su come deve essere scritta una data di scadenza, l'elenco degli alimenti per cui non è obbligatoria una data di scadenza riportata sull'etichetta;
- Sicurezzalimentare.com; questo portale è una risorsa preziosissima: trovate informazioni sui sistemi di controllo alimentare, etichettature alimentari, scadenze, rintracciabilità degli alimenti, regole di prevenzione alimentare, approfondimenti sugli allergeni.

 

Leggi anche Io leggo l'etichetta >>

 

Immagine | FotoosVanRobin

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: