Logo

Agopuntura cinese

LA MAPPA DELL'AGOPUNTURA

Un viaggio lungo i meridiani dell'agopuntura. Molti di voi avranno visto, almeno una volta, i punti di agopuntura rappresentati su una sorta di grafico del corpo umano, magari sul un libro o sulla parete dell’ufficio del vostro medico (olistico). Bene, quella è una mappa di agopuntura, allacciate le cinture, la esploriamo insieme

La mappa dell'agopuntura

 

Mappa di agopuntura

Il dizionario specifica che per “mappa” si intende una rappresentazione grafica dettagliata di una zona oppure la rappresentazione della posizione di un punto in un'area delimitata. Una mappa di agopuntura è grossomodo lo stesso. Le zone che va a delimitare sono quelle relative al corpo umano. I pallini simboleggiano gli agopunti su cui intervenire e solitamente ne viene riportato il nome o la sigla corrispondente.

Le mappe di agopuntura prefiguravano negli antichi testi di medicina tradizionale cinese. I primi riferimenti bibliografici relativi all'agopuntura cinese si ritrovano all'interno del Huangdi Neijing, l'antico testo cinese di fondamenti di di medicina interna, risalente a 300 anni prima di Cristo. È curioso ricordare che la terminologia che oggi conosciamo, che comprende termini quali “meridiano” e “agopunto”, in realtà non è così antica, in quanto introdotta nel XX secolo da Georges Soulié de Morant.

L'espressione “mappa di agopuntura” ci fa pensare a un'antica pergamena ingiallita dal tempo, su cui hanno studiato e preso s-punto diversi personaggi, magari in abiti tradizionali. In realtà, oggi, reperire una mappa di agopuntura non è impossibile. E sempre più spesso, lo schermo viene preferito alla carta, tra l'altro non per forza di cose ingiallita.

Esistono molti libri contenenti le mappe di agopuntura, sia generali che dettagliate. La più nota è la mappa di auricoloterapia, raffigurante l'intero organismo riflesso nell'orecchio. Stesso accade per mano e piede, grazie alle mappe di riflessologia della mano e del piede. Non manca la mappa dei meridiani energetici. Oltre ai libri, è possibile acquistare delle stampe di mappe di agopuntura in linea con la tradizione.

Ma non solo. Esistono anche le mappe di agopuntura elettroniche. Non su carta dunque, ma in rete. Certo, qui il fascino della tradizione scompare. Ma non bisogna essere troppo “puntigliosi”.

 

Il percorso da seguire sulla mappa di agopuntura

Il viaggio è lungo e articolato. Ma poiché tutto è legato, si tornerà sempre da dove si è partiti. Un circuito chiuso, completo, olistico.

Le autostrade sui cui scorre le energie sono i meridiani. Vi sono dodici canali principali, detti meridiani, che si estendono verticalmente, bilateralmente e simmetricamente; ogni canale corrisponde e si connette internamente a ognuno dei dodici organi, denominati zang fu.

Questo vuol dire che vi sono sei canali yin e sei yang; vi sono tre canali yin e tre yang che corrono su ciascun braccio, tre yin e tre yang su ciascuna gamba.

I tre canali yin del petto (polmone, pericardio e cuore), cominciano dal petto e viaggiano lungo la faccia interna (principalmente la porzione anteriore) del braccio, verso la mano.

I tre canali yang della mano (intestino crasso, san jiao e intestino tenue) iniziano dalla mano e viaggiano lungo la faccia esterna (principalmente la porzione posteriore) del braccio, verso la testa. I tre canali yang del piede (stomaco, cistifellea e vescica) cominciano dal volto, nella regione dell'occhio e discendono lungo il corpo lungo la faccia esterna (principalmente la porzione anteriore e laterale) della gamba, verso il piede.

I tre canali yin del piede (milza, fegato e reni) cominciano dal piede e viaggiano lungo la faccia interna (principalmente la porzione posteriore e mediale) della gamba, verso il petto o il fianco.

E si viaggia in entrambi i sensi di marcia. Il flusso del qi attraverso ciascuno dei dodici canali comprende una via interna e una esterna. La via esterna è quella normalmente mostrata sulla mappa di agopuntura e è relativamente superficiale. Tutti i punti di agopuntura di un canale risiedono nella sua via esterna.

Itinerario suggerito. I percorsi superficiali dei dodici canali descrivono tre circuiti completi del corpo. Il flusso di energia attraverso i meridiani è il seguente: dal canale "polmone" della mano (taiyin) al canale "intestino crasso" della mano (yangming), passando per il canale "stomaco" del piede (yangming), il canale "milza" del piede (taiyin), il canale "cuore" della mano (shaoyin), il canale "intestino tenue" della mano (taiyang), il canale "vescica" del piede (taiyang), il canale "rene" del piede (shaoyin), il canale "pericardio" della mano (jueyin), il canale san jiao della mano (shaoyang), il canale "cistifellea" del piede (shaoyang), il canale "fegato" del piede (jueyin), e poi di nuovo per il canale "polmone" della mano (taiyin). 

Immagine | Elenray

 


Ti potrebbe interessare anche: