Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

AGOPUNTURA CONTRO L’ANSIA

Biologicamente, l’ansia è una dimensione di sopravvivenza, un momento in cui il corpo si prepara all’attacco o alla fuga. Questa accezione è oramai lontana da ciò che vivono gli ansiosi oggi, sempre più vicini ad ansiolitici e terapie. Vediamo cosa può fare l’agopuntura contro l’ansia

L'ansia viene rappresentata come un campo emozionale caratterizzato da una sensazione di paura non connessa a un evento concreto specifico. I segni somatici dell’ansia si manifestano in un’iperattività del sistema nervoso autonomo con un’alterazione dell'equilibrio tra sistema  simpatico e parasimpatico.

Nel linguaggio comune, l’ansia trascina, come un’onda, una complessa serie di emozioni negative tra cui paura, apprensione e preoccupazione.

 

Sintomi dell'ansia e come affrontarla

Tra le sensazioni fisiche, palpitazioni, precordialgia, affanno, nausea e tremore. Si uniscono pallore della pelle, sudore, tremore e dilatazione pupillare. Può esistere come disturbo esclusivo oppure viene associata a problemi medici. 

Il senso biologico dell'ansia, pur essendo un disturbo invalidante, è la sopravvivenza. Tutto l'organismo si prepara a una reazione di attacco o fuga.

Da un punto di vista biologico, il corpo prepara l'organismo ad affrontare la minaccia e questo prevede: aumento della pressione del sangue e la frequenza cardiaca, aumento della sudorazione, aumento del flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari, diminuzione delle funzioni del sistema immunitario e diminuzione delle funzioni digestive. 

Sono circa 12 milioni e mezzo gli italiani che consumano farmaci per combattere l’ansia. La terapia convenzionale contro l'ansia consiste solitamente nella prescrizione di farmaci ansiolitici oppure nella psicoterapia. Innanzitutto, una buona anamnesi e una visita medica si rivelano essenziali per la diagnosi iniziale di qualunque disturbo d'ansia, per escludere qualunque malattia organica che possa provocare gli stessi sintomi dell'ansia. 

Agopuntura e ansia possono interagire con efficacia. Vediamo come.

 

Sintomi dell’ansia, come riconoscerli e gestirli

 

L'agopuntura contro l’ansia

L'agopuntura appartiene alle medicine olistiche e pertanto è portata a valutare anche aspetti del malato ben oltre il sintomo per il quale consulta il suo medico. Le sindromi ansiose nascono da disequilibri energetici, tossicità, mal funzionamento degli organi che danneggiano l’energia mentale rispettiva (per esempio, un fegato intossicato diminuisce la forza delle decisioni, oppure i reni affaticati incrinano la volontà, e così via). Anche gli eccessi di emozioni portano a lungo andare (a volte in modo acuto) a un "consumo" dell’energia degli organi corrispondenti tanto che i vari sintomi ansiosi possono essere associati appunto a quelli, con la rispettiva emozione considerata in questo caso "nociva".

Ecco allora l’angoscia, l’indecisione, la stanchezza, nascere dall’energia renale indebolita dalla paura; la "testa vuota", la mancanza di coraggio, l’indecisione riferiti tutti a un fegato mal funzionante danneggiato dalla collera; l’incapacità a riflettere, la perdita di memoria, causate da stomaco, milza, pancreas, "svuotati" dalle idee fisse, dalle rimuginazioni continue. 

La terapia conseguente viene effettuata da medici esperti in agopuntura poiché con questo metodo è possibile agire riequilibrando gli organi interessati, disperdere i sovraccarichi energetici, calmare la mente, tranquillizzare in generale tutto il corpo. Secondo la medicina tradizionale cinese, l'ansia è posta in relazione alle Orbite Funzionali Rene e Vescica Urinaria. Pertanto l'agopuntore presterà attenzione a tutti i tessuti connessi, che talvolta evidenziano proprio in ragione dell'ansia una maggiore suscettibilità ad ammalare. Il trattamento dell'ansia con agopuntura non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale. Al contrario esso stabilisce con esse una virtuosa sinergia e una straordinaria opportunità di prevenzione. 

L'agopuntura rappresenta una terapia dell'ansia indicata quasi sempre nelle forme iniziali del disturbo e  nelle forme cronicizzate in associazione ad altre terapie. In caso di forme perdurevoli di ansia, che già impegnano terapeuticamente ansiolitici, il trattamento con agopuntura dell'ansia non li esclude, ma vi si sovrappone. Solo a beneficio avvenuto si può procedere ad un wash out farmacologico. Per quanto riguarda le forme di terapia con la parola, conoscere le cause profonde di un disturbo è utile anche se si ottiene un beneficio con l'agopuntura sull'ansia. 

Il trattamento con agopuntura nell'ansia si estrinseca in cicli di sedute, ognuna delle quali dura circa venti minuti. Gli aghi apposti su particolari agopunti inducono un effetto regolativo tra simpatico e parasimpatico riducendo la soglia d'ansia con beneficio del paziente. L'effetto regolativo sul neurovegetativo dell'agopuntura contribuisce anche alla riduzione di tutti i sintomi somatici connessi a tale stato. 

 

Anche i fiori di Bach possono essere un rimedio per l'ansia

 

Per approfondire:
> Quali sono e come si usano gli integratori naturali per l'ansia

> L'ansia curata con la fitoterapia

>  Chi è e cosa fa l'agopuntore

Ansia e respirazione

 

Immagine | Littlemarionette


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: