Logo

Acquamarina

 

Acquamarina: descrizione

Classe minerale: ciclosilicati
Formula chimica: Be3Al(Si6O18) + K, Li, Na + (Fe)
L’acquamarina appartiene alla famiglia del berillo. Si forma in rocce pegmatitiche nella fase di raffreddamento del magma se è sufficientemente ricco di berillo. Il caratteristico colore verde/azzurro è determinato dalla presenza di tracce di ferro e la gamma di sfumature spazia dal trasparente dell’acqua fino all’azzurro più intenso. 

 

 

Acquamarina: elemento

Acqua: l’elemento acqua riguarda la sfera delle emozioni e della femminilità (amore, guarigione, compassione, riconciliazione, pace, sonno, sogni e sensitività).

 

Acquamarina: chakra

Quinto chakra Vishudda (“Gola”).

 

 

Leggi anche: Tutte le pietre e i cristalli

 

 

Acquamarina: mitologia

L’acquamarina è la pietra della dea del mare dell’antichità. Il nome acquamarina risale al periodo rinascimentale, mentre il berillo verde-blu è noto fin dai tempi più antichi. Vecchie leggende narrano che questa pietra insegnerebbe a distinguere il vero dal falso, l’amico dal nemico.
Simboleggia anche l'amore felice, in Italia si diceva che il miglior regalo da fare a una sposa nel giorno delle nozze fosse l'acquamarina, che assicura l'amore e la felicità nel matrimonio.
È anche usato da pescatori e marinai come amuleto protettivo durante i viaggi in mare contro i pericoli della navigazione. 

 

Acquamarina: effetto sul corpo

L’acquamarina armonizza l’attività dell’ipofisi e della tiroide, regolando la crescita e l’equilibrio ormonale. Inoltre, migliora la vista e attenua l’eccessiva reattività del sistema immunitario.
Calma le irritazioni delle vie respiratorie quali la sinusite, la rinite, la laringite, la faringite, la tonsillite. È indicata in caso di allergia, che si annoverano tra le cause scatenanti dell’asma.

 

Acquamarina: effetto sulla psiche

L'acquamarina è un bilanciatore psico-fisico emozionale. Favorisce l’introspezione, la crescita interiore e la chiarezza mentale. Elimina la confusione, dona la forza di sistemare le cose lasciate in sospeso e aiuta ad abbandonare fobie e paure. Aiuta sciogliere la timidezza, invita all'autostima  e armonizza l'espressione creativa.
L'acquamarina facilita il rilascio: ci ricorda di "abbandonare" il nostro attaccamento alle nostre creazioni, di non esserne ossessionati nella realtà presente. Quando liberiamo l'essenza di ciò che vogliamo creare l'Universo fornirà la forma perfetta per la sua manifestazione.

L'acquamarina assicura benessere e successo. Produce un senso di leggerezza e di tranquillità, infonde fiducia e rende sinceri, dinamici e perseveranti. L'energia dell'acquamarina rivela l'insospettabile potere trasformatore dell'ottimismo e del sorriso, a conferma del fatto che il miglior talismano per la buona fortuna sia proprio una mente positiva.
A livello generale è come un filtro che controlla un cattivo uso della parola come le critiche, le false testimonianze e altre espressioni erronee che avvelenano la mente e il corpo, impedendo all'uomo di vibrare positivamente per sintonizzarsi con le energie più elevate e benefiche e con il meglio di se stesso.
È una pietra di pace, gioia e felicità, specialmente nelle relazioni perché sblocca la comunicazione e stimola a esprimere i propri sentimenti liberamente, consentendo una realizzazione completa di sé. È anche utile agli artisti e ai musicisti.

 


Acquamarina: modalità d’impiego

L’acquamarina può essere scaricata dalle disarmonie assorbite dall’uso sotto l’acqua corrente.
Per ottenere effetti duraturi sul piano spirituale si consiglia di portare l’acquamarina sempre con sé a stretto contatto con la pelle, soprattutto accanto alla gola.
Per quanto riguarda la terapia a livello fisico, si può appoggiare un cristallo direttamente sulle palpebre in caso di dolore o sovraffaticamento agli occhi.

CONTENUTI SU PIETRE PAGINA SUCCESSIVA