Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

EFFETTI COLLATERALI

Gli effetti collaterali dell'acai

L'açai (Euterpe oleracea) è una pianta originaria del Sud America il cui nome deriva dal portoghese e significa significa frutto “che piange o secerne acqua”. Ricco di antociani, vitamine e minerali, è utile per la sua azione ipocolesterolemizzante e antiossidante.  Scopriamo le caratteristiche e gli effetti collaterali dell’acai.

Acai

 

 

Acai: caratteristiche e proprietà

L’acai è una palma fruttifera, con foglie pennate lunghe fino a 3 metri. I frutti sono piccole bacche porpora scuro, prive di buccia, ma con un grosso nocciolo.

Sono proprio i frutti dell’acai ad essere ricchi di antociani, dall’imposrtante azione antiopssidante, e proteine, acidi grassi essenziali, fibre, vitamine e minerali.

Le bacche di acai, quindi, contrastano l'invecchiamento prematuro delle cellule e dei tessuti, regolano i livelli di colesterolo nel sangue, e sono utili contro l'aterosclerosi e le malattie cardiovascolari.

L’elevato contenuto di minerali è utile per rigenerare i muscoli, mentre le fibre favoriscono la funzionalità del sistema gastroenterico, permettono di mantenere il colon pulito e danno un senso di sazietà.

 

Gli effetti collaterali dell'Acai 

L’acai può presentare alcuni effetti collaterali, legati soprattutto all’assunzione eccessiva o incontrollata, come: 

  • vomito,
  • diarrea,
  • meteorismo,
  • reazioni cutanee.

Si sconsiglia l’assunzione in caso di gravidanza e allattamento, e di consultare un medico prima di assumerlo. 

 

Ti potrebbero interessare anche:

>  Le bacche di acai, il superfrutto dell'Amazzonia
>  Le bacche, integratori antiossidanti naturali

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy